Inaugurazione del nuovo bancomatInaugurato ufficialmente, il servizio è tornato attivo nella frazione in via Montessori 1

Operazione resa possibile grazie a un accordo tra Comune e istituto di credito cooperativo

(UMWEB) – Monte Santa Maria Tiberina, 4 gen. – Inaugurato ufficialmente giovedì 3 gennaio ma già attivo da prima di Natale, il servizio bancomat è tornato finalmente disponibile nella frazione montesca di Gioiello. Prosegue così l’operazione di Bcc Umbria di ripristino degli sportelli automatici per prelevare denaro in quelle piccole località dove i precedenti gestori avevano invece fatto la scelta di rimuoverli. Quello di Monte Santa Maria Tiberina, in via Montessori 1, è infatti il terzo dispositivo riattivato dall’istituto nel secondo semestre del 2018, dopo quello di Corciano e di Pineta di Castiglione del Lago. “In tutti e tre i casi – ha spiegato il presidente di Bcc Umbria Palmiro Giovagnola – siamo andati a tamponare vuoti che avevano lasciato altri istituti bancari. I grandi gruppo stanno infatti adottando la politica di ritirarsi dai piccoli borghi mentre noi, essendo una banca di credito cooperativo, riteniamo più giusto radicarci nel territorio: questo vuol dire rispondere alle esigenze delle piccole comunità anche in assenza di tutti i parametri economici necessari. Per quanto possibile, il nostro intento è quello di mantenere i servizi nei piccoli centri per evitare il rischio di spopolamento”. “Servizi come le poste o il bancomat – ha sottolineato il sindaco di Monte Santa Maria Tiberina Letizia Michelini – sono essenziali per i cittadini e compito delle amministrazioni comunali è cercare di preservarli in tutti i modi. Con le grandi banche è ormai difficile anche solo interloquire mentre, con mio stupore, da parte di Bcc Umbria abbiamo trovato subito grande disponibilità a venire incontro alle nostre esigenze. Grazie a una reciproca collaborazione siamo quindi riusciti a risolvere questo problema”. Il Comune ha infatti concesso gratuitamente i locali e tutti gli approvigionamenti elettrici e di rete e la banca ha così potuto garantire l’investimento. L’installazione di un bancomat, è stato ricordato durante la cerimonia del taglio del nastro, ha infatti costi che difficilmente potranno essere coperti dai soli utenti del dispositivo e la speranza è che l’attivazione di questo servizio possa avvicinare potenziali clienti alla banca, così da scongiurare perdite troppo elevate. “Stiamo valutando con l’associazione I borghi più belli d’Italia – ha annunciato Giovagnola – l’opportunità di siglare una convenzione che ci consenta di raggiungere simili accordi. Se dovessimo, infatti, valutare l’investimento secondo tutti i crismi economici questo non starebbe in piedi da solo. Insieme invece si possono raggiungere importanti obiettivi per le comunità”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information