05. monache e coro(UMWEB) Norcia. Giovedì 17 gennaio 2019 l’arcivescovo Renato Boccardo ha celebrato la Messa per la festa di S. Antonio a Norcia, nel centro pastorale “Papa Francesco” alla Madonna delle Grazie. Col Presule hanno concelebrato il parroco don Marco Rufini e don Dario Dell’Orso.

C’erano anche alcuni monaci benedetti col priore padre Benedetto Nivakoff e le benedettine guidate da madre Caterina Corona. Presente il vice sindaco Pierluigi Altavilla, il comandante della Compagnia Carabinieri di Norcia, diversi pastori della zona. Nella città di S. Benedetto questa ricorrenza è molto sentita: al Santo è infatti intitolata una chiesa nella zona di Capolaterra e l’annesso Monastero delle benedettine. Entrambi gli edifici sono stati gravemente danneggiati dai terremoti del 2016 e le monache hanno trovato accoglienza presso le consorelle di Trevi. La grande novità della festa di S. Antonio di quest’anno è stato l’annuncio dato al termine della Messa: le benedettine torneranno a vivere a Norcia, in un modulo abitativo posizionato nel giardino della struttura ex Santa Pace (di proprietà sempre delle religiose, vicino al monastero terremotato) a partire da domenica 10 febbraio, festa di Santa Scolastica. Quel giorno alle 10.30 mons. Boccardo presiederà la Messa nel centro di comunità alla Madonna delle Grazie. Poi, Arcivescovo, sacerdoti, monache e fedeli si ritroveranno fuori Porta Palatina per avviare la processione fino alla “nuova residenza” delle claustrali.

«È un momento atteso e importante», afferma mons. Boccardo. «Le monache stavano facendo il conto alla rovescia per tornare e finalmente saranno di nuovo nella loro terra, condivideranno con la gente la precarietà e le difficoltà della ricostruzione post sismica. Sarà una presenza ulteriore, silenziosa, discreta e soprattutto orante della Chiesa tra i terremotati». Chiaramente soddisfatta madre Caterina Corona: «Siamo contente di tornare a Norcia e poterci riorganizzare come comunità, anche se nella provvisorietà: siamo nate lì, e lì è la nostra vita. Torniamo per dare un segno di speranza alla gente che è molto provata, ma soprattutto per pregare per loro. È questo quello che possiamo fare».


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information