UE PalcoallOpera Trasimeno wDomenica 10 Settembre, ore 18.45, Passignano sul Trasimeno

(UNWEB) Passignano. Un palco all’Opera sulle rive del Lago Trasimeno, su quelle acque che hanno visto nei secoli passare Eroi e Santi, Artisti e Sovrani, celebrità e gente comune; personaggi reali e fantastici, così come i protagonisti delle Opere che il nostro Melodramma ci ha consegnato sempre vivi, sempre attuali.

Un palco speciale per uno spettacolo altrettanto raro: la Piazzetta Garibaldi, cuore dell’antico borgo lacustre di Passignano sul Trasimeno, si trasforma in Teatro a cielo aperto, Domenica 10 Settembre, con inizio dalle ore 18.45, subito dopo il Caffè Letterario che vede protagonisti il filosofo Tullio Gregory e lo storico Enrico Menestò, illustri figure di intellettuali ospiti della quinta edizione del Festival “Isola del Libro Trasimeno”. Un Teatro sorprendente, perché non adornato di stucchi e di velluti, ma di pietre e d’acque, quelle stesse che Giacomo Puccini in persona frequentava in occasione delle battute di caccia quando era ospite del senato Guido Pompilj a Villa Schnabl sul Trasimeno, appunto. E Giacomo Puccini, insieme con Gioacchino Rossini e Vincenzo Bellini saranno i protagonisti del Concerto di UmbriaEnsemble.

Con la voce della soprano Susie Georgiadis, il pianoforte di Angiolina Sensale e gli Archi di UmbriaEnsemble (Luca Ranieri, viola; M. Cecilia Berioli, violoncello), “Un palco all’Opera” si apre con la famosissima Ouverture del rossiniano “Barbiere di Siviglia” per continuare con una selezione di Arie tanto note quanto amate: “Una voce poco fa”, tratta dallo stesso “Barbiere” di Rossini; “O mio babbino caro” dal “Gianni Schicchi” di Puccini; “Mi chiamano Mimì” dalla “Bohéme” ancora di Puccini e, per concludere, la sublime “Casta Diva” dalla “Norma” di Bellini.

A fare da contrappunto alle Arie per soprano ed Orchestra nella versione per Archi e Pianoforte, saranno le vivacissime Ouverture delle Opere rossiniane: oltre alla già citata Ouverture de “Il Barbiere di Siviglia”, si alterneranno quella de“La Semiramide” e quella gioiosissima de“La Gazza Ladra”, tutte negli originali e rarissimi arrangiamenti che nell’Ottocento circolavano nella sale da Concerto così come nei salotti privati di tutta Europa; uno spettacolo divertente e affascinante ma anche profondamente rispettoso del testo. Perché un approccio alla Musica Classica può anche essere decisamente piacevole e, al tempo stesso, rigorosamente filologico.

www.isoladelibrotrasimeno.it

www.umbriaensemble.it


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information