luce dellantica madremercoledì 8 novembre alle ore 17.30. Aula Magna di Palazzo Gallenga

(UNWEB) Perugia - Nel dipingere a fresco La luce dell’Antica Madre (1937), Gerardo Dottori stabilisce una stretta associazione tra la storia dell’Italia antica, la storia contemporanea e il ruolo diplomatico-culturale dell’Università per Stranieri di Perugia. Temi dibattuti al tempo, come il ruolo dell’Italia nel Mediterraneo, l’Impero, le ambizioni di «primato» politico-culturale o il «nuovo ordine» corporativo contribuiscono, nell’affresco concepito per l’Aula Magna di Palazzo Gallenga, a definire in dettaglio un programma figurativo ampio e molteplice, capace di dialogare con le più celebri imprese decorative dell’arte italiana degli anni Trenta, condotte all’insegna del motto «le pareti ai pittori». Dottori non rinuncia qui a contribuire in modo originale, a tratti persino eterodosso, al dibattito sull’”arte sacra”, muovendosi ben oltre i confini assegnati da Marinetti o altri al problema della nuova iconografia; e definisce in modo organico il rapporto esistente tra arte, politica e ideologia.
Michele Dantini, professore di storia dell’arte contemporanea all’Università per Stranieri di Perugia, e Massimo Duranti, responsabile dell’Archivio Gerardo Dottori, discutono di tutto questo nell’Aula Magna dell’Università per Stranieri di Perugia mercoledì 8 novembre alle ore 17.30. Nell’occasione della conferenza, promossa in collaborazione con il Comune di Perugia, saranno visibili al pubblico anche opere normalmente non esposte, facenti parte delle collezioni dell’Ateneo: e cioè il Ritratto di Mussolini di Gerardo Dottori, il Ritratto di Mussolini di A. Bruschetti e i busti di Mussolini e Vittorio Emanuele III, rispettivamente di Tommaso Peccini e Bruno Arzilli, posti in origine a fianco dell’affresco La luce dell’Antica Madre.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information