uto ughi ameria festival (UNWEB) AMELIA –   Sarà il Boléro di Ravel, con l’Orchestra Sinfonica di Europa Musica e le coreografie di Gennaro Siciliano, ad aprire il 25 settembre l’ottava edizione dell’Ameria Festiva. Lo spettacolo si terrà alle 20 e 30 al teatro sociale della cittadina ternana palcoscenico per sei settimane di spettacoli e appuntamenti culturali. A seguire i Pagliacci, opera in due atti di Ruggero Leoncavallo, con Francesco Romana Tiddi (nel ruolo di Nedda), Gianluca Zampieri (Canio), Paolo Drigo (Tonio), Nicolas Causero (Beppe) e Michele Soldo (Silvio), con la regia di Giammaria Romagnoli. Musiche di Ellington, Mingus, Nestico, Corea, Zawinul, Hefti, Green, Sandoval, Schifrin, Mancini, eseguite dall’Orchestra Sinfonica di Europa Musica.

Ameria Festival è strutturato su una rassegna di musica, prosa, mostre d’arte, incontri e appuntamenti di varia umanità fino al 7 novembre, per lo sviluppo culturale, sociale ed economico di Amelia e dell’Umbria meridionale. Novità dell’edizione di quest’anno sono ‘I giovedì della cultura’. Sei appuntamenti a cadenza settimanale dal primo ottobre al 5 novembre, per fare un passo in avanti verso una comprensione più consapevole della storia dell’uomo, dalla filosofia ai conflitti politici, sociali ed economici dei nostri giorni.

«Vogliamo proporre a tutta la comunità – spiega il presidente della società teatrale, Riccardo Romagnoli – la possibilità di fare un passo in avanti verso una più avvertita consapevolezza di chi siamo, come individui e come esseri sociali, per capire meglio verso quale avvenire ci stiamo incamminando, spesso inconsapevolmente. Per questo abbiamo bisogno della filosofia, dell’arte, della storia, della scienza, per avere quelle lenti che possano rendere meno ostica e più decifrabile la comprensione del presente e del futuro».

Tra gli appuntamenti più importanti, venerdì 9 ottobre alle 20.30, due tra i più noti e amati capolavori di Wolfgang Amadeus Mozart (il Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 in la maggiore K 488 e la Sinfonia n. 40 in sol minore K 550), eseguiti a livelli d’eccellenza. Il primo è affidato a Raffaele Battiloro, uno dei più brillanti e dotati pianisti della giovane generazione, vincitore del prestigioso Premio Alkan per il virtuosismo e di numerosi concorsi internazionali. La sinfonia è eseguita dallo splendido complesso di Europa Musica, diretto dal Maestro La Stella, la cui straordinaria carriera lo ha visto sul podio dei principali teatri europei, americani ed asiatici.

Venerdì 16 ottobre alle 20.30, spazio al balletto in un atto e quattro quarti La Gazza ladra di Gioachino Rossini, con le coreografie di Paolo Arcangeli e con interpreti Giada Primiano (Ninetta), Giorgia Montepaone (la gazza ladra), Alessandro Scavello (Giannetto), Elio Zingarelli (nel doppio ruolo del Podestà e di amico di Ninetta), Fausto Paparozzi (padre di Giannetto), Federica Bisceglia (madre di Giannetto) ed Kevin Arduini (padre di Ninetta). Una fantastica realizzazione della storica Compagnia di danza fondata nel 1985 e diretta da Diana Ferrara, prima ballerina Étoile del Teatro dell’Opera di Roma. Lo spettacolo è stato rappresentato lo scorso anno in prima assoluta mondiale al Festival del Balletto di Rapallo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information