IMG 3576 Copia(UNWEB) – Orvieto – “Il China Day è soprattutto una giornata di lavoro in vista del 2018, che sarà l’anno del turismo tra l’Europa e la Cina e che l’Italia aprirà nella prima metà di gennaio, a Venezia, e per noi rappresenta anche il contributo dell’Umbria, con il sistema delle Regioni, ad una occasione che è straordinaria, come consolidare le reazioni con un Paese come la Cina dove i turisti sono continuamente in aumento, sia in milioni di visitatori che crescono, sia per le mete che scelgono”: lo ha detto la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, aprendo stamani ad Orvieto la giornata dei lavori del China Day 2017, la manifestazione organizzata da Mibact, Regione Umbria e Comune di Orvieto con la Fondazione Italia Cina, in corso ad Orvieto


“La prima meta del turismo cinese è l’Europa – ha aggiunto Marini - e dentro l’Europa c’è anche l’Italia. Si tratta di un flusso che noi vogliamo intercettare e vogliamo attrezzarci per essere preparati ad accogliere un turismo che ha delle sue specificità nelle visite: accanto alla storia culturale e artistica c’è infatti la valorizzazione delle produzioni italiane, del lusso, dei nostri brand, dell’agroalimentare, a cominciare dal vino, quindi di tutte componenti che anche una regione come l’Umbria è in grado di mettere a disposizione e di valorizzare. Dobbiamo acquisire sia come istituzioni che come operatori – ha proseguito la presidente - competenze e conoscenze e quindi nell’ambito di relazioni reciproche, supportate dal Ministero, dal Governo e dalla Fondazione Italia Cina, avere chiaro quali sono le attese da parte degli operatori cinesi verso le mete di accoglienza e quindi – ha concluso la presidente - come può essere l’Umbria, insieme alle sue città, il luogo per meglio accogliere questi visitatori”.
La mattinata è proseguita con il lavoro dei tavoli tecnici per la condivisione di ‘best practices’ sull’accoglienza cinese e gli approfondimenti sui flussi turistici dalla Cina verso l’Italia, con particolare attenzione all’accoglienza di turisti cinesi, alla promozione del turismo italiano in Cina e all’analisi della domanda e dei flussi dei turisti cinesi. I lavori proseguiranno nel pomeriggio con la sessione plenaria in cui verranno illustrate le conclusioni dei tavoli tecnici del mattino, seguita da due momenti di dialogo e approfondimento sui temi dell’interscambio Italia – Cina e sull’Anno del Turismo Europa-Cina.
Nel corso della presentazione dei lavori della giornata la dirigente del Servizio turismo della Regione Umbria, Antonella Tiranti, ha evidenziato come “quello di oggi è il terzo China Day che si tiene in Umbria, ma a differenza dei precedenti rivolti ai soli operatori della regione si tratta di un appuntamento nazionale, realizzato in collaborazione con il Ministero, focalizzato unicamente sul settore turistico”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information