I Delegati con al centro Panella“Il Programma di Sviluppo Rurale, favorisca l’insediamento degli imprenditori under 40”: lunedì tanti giovani alla manifestazione dell’Organizzazione agricola.

(UMWEB) In Umbria sono centinaia i nuovi giovani che ripongono fiducia e speranze nel mestiere di agricoltore, perciò occorre che il Programma di Sviluppo Rurale favorisca con decisione l’insediamento degli under 40, poggiando su risorse e regole che siano un incentivo in grado di dare certezze a chi scommette nel comparto. Queste le prime parole e il forte auspicio di Francesco Panella, venticinquenne di Perugia, nuovo delegato regionale Coldiretti Giovani Impresa Umbria, che parteciperà con i suoi colleghi alla manifestazione di lunedì a Perugia dell’Organizzazione agricola, a tutela del comparto.
Francesco, eletto dall’Assemblea regionale degli imprenditori agricoli under trenta della Coldiretti, conduce ad Umbertide, un’azienda agricola di circa 50 ettari ad indirizzo cerealicolo e olivicolo; tra i suoi progetti futuri l’apertura di un agriturismo e di una fattoria didattica.
È con soddisfazione e senso di responsabilità che ho accettato questo incarico raccogliendo il testimone da Elena Tortoioli che ringrazio per il grande lavoro svolto - ha sottolineato il neodelegato regionale Coldiretti Giovani Impresa. Chi si impegna tutti i giorni nelle campagne - ha ribadito Panella, laureando all’Università di Perugia, presso il Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali - è convinto di svolgere un mestiere dalle prospettive economiche importanti, ma anche utile all’ambiente e all’intera collettività; un mestiere unico per molti, anche se non mancano le difficoltà.
Rinnovati anche gli organi provinciali di Coldiretti Giovani Impresa: leader della provincia di Perugia, la ventiseienne Valentina Alunno che a San Giustino conduce un’azienda florovivaistica e un agriturismo, mentre delegato provinciale di Terni è stato eletto Cristian Moscatelli ventinovenne a capo di un’azienda orticola a San Gemini. Oggi il mestiere della terra - hanno affermato Alunno e Moscatelli - non è più considerato l’ultima spiaggia di chi non ha un’istruzione e ha paura di aprirsi al mondo, ma una nuova importante strada del futuro per le giovani generazioni.
All’Assemblea elettiva regionale, hanno partecipato tra gli altri, il presidente e il direttore della Coldiretti Umbria, Albano Agabiti e Diego Furia, che hanno ricordato un recente sondaggio Coldiretti/Ixè, secondo cui nel 57% dei casi oggi un giovane preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (18 per cento) o fare l’impiegato in banca (18 per cento).
Per sostenere gli aspiranti colleghi imprenditori, i giovani della Coldiretti hanno costituito anche una speciale task force che opera a livello territoriale con tutor, corsi di formazione e consigli per accesso al credito: un percorso in 10 mosse per avere successo nei campi.
Il traguardo, che diventa poi il punto di partenza dell’impresa, è la realizzazione del progetto per il quale servono energia, entusiasmo e concentrazione, oltre a una certa dose di pazienza per la burocrazia che agli imprenditori agricoli - spiega Coldiretti - sottrae almeno 100 giorni di lavoro ogni anno. Ma - conclude Coldiretti - oltre a tanto impegno e fatica, servono spesso anche volontà e fantasia nell’adottare le più recenti soluzioni tecnologiche e studiare nuovi canali commerciali per i propri prodotti, comprese le vendite on line.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information