(UMWEB) Perugia. Si è tenuto questa mattina a Roma presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l'incontro sulla vertenza Tagina. Presente il vice presidente della Regione Umbria Fabio Paparelli, il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti, i vertici dell'azienda e le rappresentanze sindacali confederali e di categoria.

"Durante l'incontro – ha dichiarato Paparelli – la Regione Umbria ha sottolineato la rilevanza dell'azienda rilevata dal gruppo Saxa Gress, nel contesto di un'area come quella di Gualdo Tadino interessata dalla crisi della Antonio Merloni, in considerazione della rilevanza occupazionale della stessa e delle prospettive che il piano di sviluppo industriale, presentato da Saxa Gress, può rappresentare in termini di consolidamento e sviluppo. Nel pre-accordo siglato in Regione lo scorso 7 giugno insieme ad azienda e sindacati – ha proseguito Paparelli - avevamo assunto l'impegno ad accompagnare il piano con l'utilizzo degli ammortizzatori sociali previsti dal comma 133 della legge 205/2017 e con adeguate politiche attive del lavoro, funzionali ai fabbisogni formativi del personale, anche alla luce delle nuove competenze correlate ai processi di innovazione. A fronte del blocco della procedura per effetto di interpretazioni normative sopravvenute dopo la firma del preaccordo – ha ricordato Paparelli – abbiamo, fin da subito, come Regione, posto all'attenzione del Ministero del Lavoro e del Ministero dello Sviluppo economico, l'opportunità di estendere il regime speciale per gli ammortizzatori sociali previsto per le aree di crisi complessa anche all'area di crisi industriale Umbro Marchigiana della Antonio Merloni, superando per questa via le criticità amministrative. Abbiamo quindi, unitamente alle rappresentanze del lavoratori, all'azienda ed al Comune di Gualdo Tadino, accolto con soddisfazione l'apertura, seppur ammantata di ingiustificata prudenza, che il Governo ha dato rispetto a questa possibile modifica normativa nell'ambito di un provvedimento in corso che contribuirebbe a risolvere il problema. Ho perciò chiesto, ed auspico che ciò avvenga, che tale modifica normativa venga inserita nel provvedimento di conversione in legge del decreto Milleproroghe, che scade il 25 settembre prossimo. E' necessario infatti – ha concluso Paparelli – un percorso preferenziale che in tempi rapidi, a fronte dell'iter in corso sul Milleproroghe, possa rispondere alle richieste dei lavoratori, i cui sacrifici meritano la massima attenzione da parte del Governo e di tutte le istituzioni. Il Ministero - conclude Paparelli - ha confermato la disponibilità dei fondi che la Regione può, all'uopo, mettere a disposizione. Abbiamo anche acquisito la disponibilità a votare l'eventuale emendamento da parte di tutte le principali formazioni politiche presenti in parlamento, nell'interesse dell'azienda e dei lavoratori e rimaniamo in attesa della formalizzazione degli sviluppi positivi emersi nell'incontro".


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information