Attacchi(UNWEB) A far tremare e a minacciare le aziende agricole, una piaga purtroppo non nuova che rischia di far morire la zootecnia di montagna al pari del terremoto: quella degli attacchi dei lupi. È il forte grido di allarme lanciato da Coldiretti Umbria, nel raccogliere lo scoramento e la rabbia di un giovane imprenditore agricolo di Civita di Cascia che pochi giorni fa ha subito l’ennesimo attacco di lupi che ha causato la morte di 3 vitelli.

Una situazione che si ripete sempre più spesso da queste parti - racconta Matteo De Carolis, titolare venticinquenne dell’azienda zootecnica colpita, che conta una cinquantina di chianine; solo negli ultimi mesi altri 5 vitelli hanno subito la stessa sorte. Così viene voglia di lasciare e chiudere l’impresa - aggiunge Matteo - dopo che, oltre tutto, le ultime scosse di terremoto di questo settembre, hanno provocato gravi lesioni alla mia stalla. La preoccupazione è forte perché quando gli animali tra poco torneranno dal pascolo di montagna, non avranno più un ricovero.

Occorre salvare - afferma Albano Agabiti Presidente Coldiretti Umbria - tutti gli animali che sempre più spesso vengono uccisi in tutto il territorio regionale, dove la presenza dei lupi è aumentata negli ultimi anni con stragi negli allevamenti, specie nelle zone più marginali. Non si possono lasciar morire gli animali e costringere alla fuga famiglie che da generazioni popolano le montagne, ma anche i tanti giovani, come Matteo, impegnati nel ripristinare la biodiversità con il recupero di storiche razze.

Proprio Matteo da soli due anni - riferisce Coldiretti - ha intrapreso con passione questa attività, in una zona già pesantemente colpita dal terremoto che continua a provocare paura e danni, cui purtroppo vanno aggiunti quelli dei lupi.

La tolleranza delle aziende - afferma Coldiretti, impegnata in questi giorni nel supportare il giovane allevatore - ormai è al limite; è necessario aumentare gli sforzi per monitorare il “fenomeno” lupi anche in Umbria. Occorre altresì un impegno concreto con un sempre più adeguato sostegno pubblico a idonei sistemi di difesa e un rapido ed equo rimborso dei danni, senza se e senza ma. Non c’è più tempo - conclude Coldiretti - urgono soluzioni da parte delle Istituzioni ai vari livelli, per contrastare una situazione inaccettabile che spinge le aziende agricole verso un’inesorabile abbandono


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information