Ucs gazzelle e pubblico(UMWEB) PERUGIA – Tanta musica, originale, underground, emergente e di qualità. In tre giorni 25 concerti, circa 120 musicisti coinvolti, 3 palchi. I Giardini del Frontone e la Galleria nazionale dell’Umbria hanno fatto da scenario, dal 5 al 7 luglio scorsi, ad una settima edizione che ha consegnato di diritto il festival L’Umbria che spacca tra gli eventi musicali più interessanti e suggestivi dell’estate italiana. Un’edizione da record, sotto ogni punto di vista.

“Musica, libertà e una tartaruga che vola” era scritto nel grande palco allestito ai Giardini del Frontone. La tartaruga è quella scelta per l’immagine ufficiale 2019 con il guscio a forma di Umbria. Una regione sempre grande protagonista perché il festival, oltre a dare spazio alle realtà più interessanti della scena musicale italiana contemporanea, ha come obiettivo quello di valorizzare le migliori band, solisti e producer umbri.

“Un festival fatto da musicisti per musicisti e che si rivolge a tutti, fatto per rompere le barriere fra città, per unire e fare rete nel nome della musica. Umbria che spacca ha parlato ancora di musica, arte, condivisione, sostenibilità, bellezza, e di persone che vogliono essere felici ascoltando un concerto accanto ai propri amici” afferma a bilancio il presidente dell’Associazione culturale Roghers Staff Aimone Romizi, che ricorda pure come l’evento non sarebbe possibile senza i circa 50 giovani volontari coinvolti a sostegno del festival.

‘L’Umbria che spacca’ è quindi un festival in continua evoluzione che sente forte l’esigenza di rappresentare i giovani e il loro universo. Per questo l’obiettivo di questa ultima edizione è stato quello di offrire agli utenti un programma sempre più variegato e di qualità. L’evento è stato organizzato dall’associazione culturale Roghers Staff e realizzato grazie al patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Perugia, dell’Adisu e alla collaborazione con la Galleria Nazionale dell’Umbria, la Cooperativa A Piccoli Passi e gli sponsor: Coop Centro Italia (main sponsor), Liomatic e Wild Turkey Bourbon (Gruppo Campari Italia).

Ai Giardini del Frontone le due serate iniziali del venerdì e del sabato ad ingresso gratuito, che avevano come ospiti principali i Tre Allegri Ragazzi Morti e Motta, hanno raggiunto ben presto la capienza massima, con gli accessi limitati dal conta persone, mentre la serata conclusiva di domenica con Gazzelle (unico concerto a pagamento) ha raggiunto già in prevendita il sold out.

L’Umbria che spacca è stata anche l’edizione della conferma e consacrazione de ‘La Galleria che spacca’: Willie Peyote, Giorgio Canali e Umberto Maria Giardini in Galleria nazionale dell’Umbria hanno tenuto i loro concerti acustici in una sala Podiani gremita e abbinati alle visite guidate al museo cittadino, per un mix suggestivo di arte e note.

Appuntamento ora al 2020 con l’edizione numero VIII de L’Umbria che spacca.


Tv ASI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information