Vitalizi si', reddito di cittadinanza no: vergogna

(ASI) Lettere in redazione. "Li abbiamo aboliti!" Quante volte, a proposito dei vitalizi, ce lo hanno ripetuto? La stessa miss turbopensioni, Catiuscia Marini, lo ha recentemente ribadito. Vediamo invece cosa hanno effettivamente fatto.


C'è una clamorosa delibera -ovviamente segreta, altro che trasparenza- da parte dell'Ufficio di Presidenza, datata 4 maggio 2015, grazie alla quale il Consiglio Regionale dell'Umbria si attrezza a liquidare milioni di euro di vitalizi in un colpo solo! La legge 20/2011, che modificò la normativa sulle pensioni dei politici, consente infatti loro –per la prima volta- di accedere all'ennesimo privilegio: quello di ritirare in un colpo solo i contributi versati. Si tratta di una montagna di soldi.
Le pressioni nazionali del Movimento Cinque Stelle volte a cancellare questo favore stanno infatti spingendo consiglieri giovani e meno giovani a riprendersi al più presto tutti i denari, anziché ricevere una rendita immorale e sempre più a rischio. Gli interessati sarebbero pertanto numerosi. Tra costoro, indifferentemente di sinistra e di destra, tra i più in là con l'età e sulla scorta della valutazione dell'aspettativa di vita, in pole position sarebbe Felice Bracco che, d'altronde, già incassa due pensioni, quella ordinaria INPS da professore universitario e il vitalizio da parlamentare, essendo stato deputato: magari, una volta liquidati i contributi, Bracco potrà a buon diritto dirsi davvero Felice, come indica il suo stesso nome!
Si parla di somme attorno o superiori ai 300.000 euro per eletti con due legislature alle spalle. Non parliamo poi di chi ne avesse tre o più.
Le risorse, però, al momento non ci sono affatto per i molti che prevedibilmente, grazie a tale leggina, reclameranno i contributi: l'Assemblea Legislativa umbra non dispone nemmeno di 600.000 euro. Si parla invece di un fabbisogno gigantesco, tra i 3 e i 4 milioni. Come che sia, secondo altri calcoli interni agli uffici tecnici del Consiglio, le casse del fondo di previdenza-vitalizi, in perdita da anni, non si riprenderanno dal dissanguamento finanziario prima del 2042!
La scelta della nomenclatura regionale è comunque chiara: reddito di cittadinanza no, ma vitalizi sì, e ancora di gran gusto, con la nuova opzione 'liquidazione globale'.
Il Movimento Cinque Stelle, dal 31 maggio, entrerà in Consiglio per capovolgere queste scelte, prive di qualsiasi minima decenza umana e politica. E, nei prossimi giorni, non esiteremo a raccontare altre vergognose novità firmate 'Regione Umbria'
Andrea Liberati - candidato M5S alla Presidenza della Regione Umbria.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information