(ASI) Lettere in redazione. "Sono allarmanti i dati relativi all'Umbria resi noti nel Rapporto annuale 2015 dell'Istat: la nostra regione risulta tra le peggiori del Centro Italia con la disoccupazione in crescita e l'occupazione in picchiata. Il lavoro, quando c'è, non è specializzato e la produttività resta bassa". A rilanciare la fotografia scattata dall'Istituto nazionale di statistica è la deputata di Scelta Civica, Adriana Galgano che esprime forte preoccupazione per il trend che ha caratterizzato l'Umbria negli ultimi anni.


"Tra i sistemi locali del Centro, quelli umbri vengono indicati come quelli più in difficoltà dove si concentra l'85,7% del totale delle aree che hanno pagato di più in termini di calo degli occupati e incremento dei disoccupati – continua la parlamentare – In effetti negli ultimi cinque anni la disoccupazione è balzata dal 6,61% al 12,2% con il Ternano che, soltanto tra il 2011 e il 2014, l'ha vista schizzare dal 4,2% al 12%. A questo quadro si aggiungono i Neet, ovvero i giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e non studiano, che sono saliti al 17,7%. L'Istat pone la nostra regione tra i sistemi 'perdenti' – affonda Galgano - ovvero che hanno visto crescere la disoccupazione e diminuire l'occupazione sia negli ultimi sei anni che tra il 2013 e il 2014 e soltanto poche aree vengono indicate come in lieve ripresa negli dodici mesi".
"E' evidente il bisogno di un cambiamento radicale di rotta – evidenzia la deputata di SC – Servono nuove politiche che mettano al centro l'impresa, perché la nuova occupazione nei prossimi anni potrà venire solo dalle aziende, e vanno ridefinite le azioni per il lavoro – propone la parlamentare - incentivando la creazione di un polo attrattivo per le start up innovative, in particolare nei settori a più alta specializzazione tecnologica, che possano assorbire anche la domanda che arriva dai neo-laureati. Azioni sinergiche cui si devono accompagnare anche un piano di sviluppo che punti ad attirare nuovi investitori – chiude Galgano - e un percorso di formazione che prepari i giovani all'inserimento lavorativo in queste realtà ad alto potenziale di saperi".

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information