(ASI) Lettere in redazione. Terni,  – "La crisi ternana si è imposta in tutta la sua gravità a livello nazionale come una autentica 'questione sociale' per l'Umbria che lavora e rivendica una legittima attenzione e soluzione da parte di tutte le istituzioni".

A dirlo il capolista della lista "Socialisti Riformisti Territori per l'Umbria", Silvano Rometti, che ha sottolineato: "mi impegnerò personalmente affinchè la nuova giunta regionale, che uscirà dalla consultazione popolare del 31 maggio, e la presidenza del consiglio dei Ministri, attraverso il coinvolgimento dei rappresentanti nel governo del Partito socialista italiano, si facciano garanti ed attuino in concreto, anche in sede europea, i provvedimenti necessari a risolvere in modo definitivo la drammaticità di una crisi che investe in pieno le maestranze, a tutti i livelli, del polo siderurgico ternano e del suo storico indotto". "È inderogabile lavorare subito alla predisposizione di un piano industriale ed energetico – aggiunge il socialista Rometti - che preveda una serie di facilitazioni di tipo finanziario e snellimenti burocratici e sia in grado di attrarre capitali di solidi gruppi internazionali e di realtà industriali italiane, non escludendo anche la partecipazione diretta della Cassa depositi e prestiti". "L'acciaio ternano può e deve trovare adeguata collocazione – conclude l'assessore uscente - all'interno di un gruppo di respiro internazionale che gli consenta di competere nella sfida globalizzata".

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information