casciari-300x264(ASI) Perugia- "Tra la nostra Regione e la Cina è stato avviato uno scambio di iniziative e di azioni che stanno portando a concretizzare esperienze anche in Umbria, con risvolti significativi dal punto di vista economico": lo ha affermato la vicepresidente della Regione Umbria, Carla Casciari, a margine dell'iniziativa che si terrà nel pomeriggio di oggi al Castello di Solfagnano (Perugia) in occasione del "China Day" e che vedrà la partecipazione dei rappresentanti del mondo dell'economia regionale che si confronteranno sui temi del "sostegno alle imprese sul mercato cinese, l'attrazione investimenti, gli eventi e gli strumenti di promozione dell'Umbria".


"Il nostro compito – ha detto - sarà quello di mettere in campo un'azione di sistema regionale che possa dare operatività ai partenariati territoriali, accompagnare le nostre imprese negli spazi di mercato aperti dall'iniziativa istituzionale, attrarre iniziative e investimenti cinesi in Umbria, con il supporto della Fondazione Italia Cina, di Sviluppumbria, in stretto coordinamento con il Centro Estero Umbria e con le altre Agenzie regionali".
La vicepresidente ha evidenziato che, nel corso della missione compiuta in autunno in Cina dalla Regione, "ho potuto constatare l'importanza e la bontà del lavoro svolto sinora, visto che non solo abbiamo concretizzato tutti gli obiettivi, ma abbiamo lavorato per favorire nuove relazioni. In Cina la Regione Umbria ha presentato in maniera integrata le eccellenze e le opportunità che la nostra terra può offrire da un punto di vista formativo, economico e culturale".
La vicepresidente ha fatto quindi riferimento all'avvio di importanti contatti nel settore dell'agroalimentare, della sicurezza alimentare e delle filiere della qualità nelle produzioni agricole, dell'agromeccanica, bioplastica, design, mobile d'arredo, mestieri artistici, nonché scambi di tecnologie e conoscenze nel controllo ambientale: "Sono solo alcuni dei settori – ha detto - su cui sono stati avviati rapporti e relazioni fattive che, in taluni ambiti, porteranno a breve alla firma di protocolli d'intesa, alla nascita di joint venture, allo scambio di visite e ad attività congiunte in occasione dell' Expo 2015".
"A Kunming – ha aggiunto - è stata avviata una procedura di partenariato tra l'Umbria e la Provincia dello Yunnan che ha rappresentato l'avvio del comune percorso tra Umbria e Cina di collaborazione per l'insediamento di un impianto produttivo della Hollysys nel comune di Corciano. Si tratta di un risultato molto positivo per la nostra regione, visto che la multinazionale, attiva nel settore dell'automazione industriale per la farmaceutica e la meccanica, dell'energia e dell'elettronica applicata agli apparati di controllo per la mobilità ferroviaria, ha un fatturato di oltre 500 milioni di dollari e impiega oltre 3 mila 500 addetti in Cina e nel Sud Est Asiatico".

"Contestualmente – ha sottolineato la vicepresidente - è stato definito un protocollo, che oltre all'insediamento della Hollysys in Umbria, definisce altri progetti di interscambio industriale, commerciale e formativo". Tra le iniziative da realizzare il documento prevede la realizzazione di una "model farm", ovvero un centro di sperimentazione incentrato sul miglioramento delle produzioni agricole, l'utilizzo delle tecnologie agricole, la certificazione e commercializzazione dei prodotti agroalimentari di qualità, verifiche di fattibilità tra imprese umbre e cinesi per scambi commerciali e/o joint venture nei settori dell'agromeccanica e della bioplastica; collaborazioni commerciali ed industriali nel settore del mobile ed arredo casa; corsi brevi di livello universitario nei settori della sicurezza alimentare e del design; verifica di fattibilità del progetto di apertura di uno Show Room di tecnologie e prodotti nel settore agromeccanico ed agroalimentare a Kunming.
All'incontro che si terrà al Castello di Solfagnano a partire dalle ore 17, oltre alla vicepresidente Casciari, interverranno il consigliere dell'Ambasciata cinese, Zhang Chi, il rappresentante dell'Ufficio commerciale dell'Ambasciata Wu Cong, il coordinatore dell'Area Impresa Lavoro, Formazione e internazionalizzazione della Regione Umbria, Luigi Rossetti, Andrea Canapa della Fondazione Italia Cina, il coordinatore dell'Area Agricoltura, Turismo e Cultura e responsabile del Progetto EXPO per la Regione Umbria, Ciro Becchetti, nonché i rappresentanti di Confindustria Umbria, di Confimi Perugia, del Centro estero, di Bank of China, del Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria, di Umbria Jazz, di China Radio International, dell'Arpa Umbria, dell'Adisu, e delle aziende presenti a "Casa Umbria Shanghai" e di quelle che hanno avviato iniziative verso la Cina.


banner Europa e Umbria per te 300x250

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information