lega 2Lega Nord Umbria:” Più che una reale necessità amministrativa sembra trattarsi di un’investitura politica”

(UNWEB) Perugia. “Non bastava la figura inutile del mega Direttore che graverà, per oltre200 mila euro l’anno, sulle spalle degli umbri ma con l’avvicinarsi di un nuovo ed importante appuntamento elettorale, ecco che la Giunta Marini ha programmato, entro l’anno, l’assunzione di altri 4 dirigenti dell’esecutivo che andranno ad aggiungersi ai 60 già esistenti”. A sollevare la questione in riferimento alla delibera n. 1227 del 23/10/2017, è la Lega Nord Umbria, con i suoi consiglieri regionali Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini che proseguono: “Il calo del Pil in Umbria, i drammatici dati occupazionali, l’emigrazione dei giovani all’estero e il flop delle infrastrutture, dovrebbero indurre la Presidente Marini ad un cambio di marcia ed invece anziché pensare a risollevare la Regione, la sua preoccupazione imminente è spartire le poltrone. In un quadro simile, come Lega Nord, non possiamo che esprimere perplessità e sgomento. Due sono le questioni che contestiamo e riguardano, da una parte l’inutilità di altre figure apicali che non aggiungono niente alla già satura macchina amministrativa e le cui funzioni potrebbero essere ripartite tra gli attuali dirigenti e dall’altra, le modalità previste per la loro selezione. Infatti secondo la delibera sopra citata, anziché indire un democratico concorso pubblico, il Pd di Palazzo Donini ha pensato bene di individuare 4 diverse modalità di
assunzione per 4 cariche apicali. Pur rientrando nei poteri della Giunta ci chiediamo perché sia stata fatta questa scelta più che discutibile. Forse la Giunta ha già in mente chi inserire? Se così fosse oltre al danno
pure la beffa: all’ennesimo spreco di denaro pubblico si aggiunge l’umiliazione per tutti quei laureati che, pur avendo competenze, non possono parteciparvi. Che la Marini, dopo Todi, la Sicilia o il referendum
costituzionale abbia fiutato il pericolo di un’altra sconfitta e voglia correre a i ripari? Ci auspichiamo – concludono i due leghisti – che, come è accaduto per Umbria Mobilità, anche in questo caso la giustizia faccia il suo corso, perché a nostro avviso, più che una reale necessità amministrativa sembra trattarsi di un’investitura politica”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information