Consiglio comunale Castiglione 3(UMWEB) - CASTIGLIONE DEL LAGO - Si è insediato ieri sera il Consiglio comunale di Castiglione del Lago, rinnovato profondamente dalle Elezioni dello scorso 26 maggio. Una Sala del Consiglio gremita con tanti cittadini seduti per terra e grande emozione per molti neoeletti, seguiti e incoraggiati da parenti e amici.


Alessio Meloni, presidente provvisorio dell’assemblea, dopo aver esaminato le condizioni di eleggibilità e di compatibilità di sindaco e consiglieri, ha comunicato all’assemblea la nomina ufficiale degli assessori avvenuta lunedì 17 con provvedimento sindacale. Gli assessori sono Alessio Bacci, Elisa Bruni, Andrea Sacco, Fabio Duca e Marino Mencarelli: Sacco, Duca e Mencarelli, in quanto consiglieri sono contestualmente decaduti dalla carica, sostituiti subito dai primi non eletti delle rispettive liste. I componenti del Consiglio comunale sono diventati i seguenti: Alessio Meloni, Sara Petruzzi, Marco Rocchini, Virginia Della Ciana, Fabrizio Puggioni, Beatrice Boscherini (al posto di Marino Mencarelli), Paolo Brancaleoni, Pasquale Marcelli, Alessio Fantucci, Gloria Persici (al posto di Andrea Sacco) e Rosella Paradisi (al posto di Fabio Duca) per il gruppo di maggioranza “Centrosinistra”; Francesca Traica, Gianluca Pierini e Pamela Becciolotti per il gruppo “Fratelli d’Italia”; Paolo Terrosi e Lorenzo Nardelli per il gruppo “Lega”.
Alessio Meloni è stato eletto Presidente del Consiglio comunale al primo scrutinio con 12 voti su 17 aventi diritto, 3 voti sono andati a Paolo Brancaleoni e 2 schede bianche. «Sarò un presidente imparziale e garantirò la democrazia e i diritti di tutti i consiglieri - ha dichiarato un emozionato Alessio Meloni - e garantirà la presenza della voce di tutti i cittadini. Ringrazio tutti i candidati, anche quelli non eletti». Matteo Burico ha solennemente giurato fedeltà e lealtà alla Costituzione della Repubblica Italiana, come prevede la legge. «Ringrazio tutti per la fiducia e per il grande onore nel ricoprire questo ruolo: darò il meglio di me stesso per i cittadini di questo paese. Ci sarà una grande apertura in Consiglio anche all’opposizione per le proposte concrete, serie e costruttiva che possono aiutare Castiglione. Sarò il sindaco di tutti e il Consiglio è per me un luogo di confronto e di stimolo più che un luogo di scontro».
Il sindaco Burico ha presentato le deleghe agli assessori. Come consuetudine Andrea Sacco, prima degli eletti della seconda lista più votata dopo il PD, è la nuova vicesindaco con delega a sport, comunicazione, politiche giovanili, smart city, turismo sportivo e innovazione tecnologica. Alessio Bacci è assessore a bilancio, finanze e tributi; Fabio Duca urbanistica, ambiente, partecipate, trasporti e Parco del Trasimeno; Elisa Bruni sociale, istruzione, welfare e pari opportunità; Marino Mencarelli lavori pubblici, patrimonio e protezione civile. Matteo Burico ha tenuto per sé alcune deleghe: «Tengo la delega più importante, quella alla cultura, oltre a quelle che hanno incarnato il nostro programma: lo sviluppo economico, il personale, l’agricoltura, la sicurezza e le grandi opere. Per la sicurezza mi avvarrò di un consulente esterno di grande esperienza professionale: si tratta del dott. Paolo Moretti, comandante del Distaccamento della Polizia Stradale di Castiglione del Lago che ha accettato con grande entusiasmo, per coordinare le forze dell’ordine e la nostra Polizia Locale. In più ci saranno alcuni consulenti speciali alla cultura che verranno comunicati in seguito. Questa sera annuncio anche le deleghe a due consiglieri ma successivamente ogni consigliere di maggioranza si occuperà di un settore e di una materia: Paolo Brancaleoni sarà consigliere delegato all’associazionismo e al volontariato, Alessio Meloni, oltre che presidente del consiglio, sarà consigliere delegato al Borghi più Belli d’Italia. Nei prossimi mesi le altre deleghe».
La seduta si è svolta in modo costruttivo e molto positivo: il Consiglio comunale può diventare veramente un luogo di incontro per tutti i cittadini. Il sindaco Burico ha promesso di riunire subito tutta la coalizione di centrosinistra, per dimostrare che non era una semplice sommatoria di forze politiche e di voti, per farne un vero valore aggiunto per questa amministrazione, con il pieno coinvolgimento della società civile.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information