Metanizzazione 2Oltre 250 le famiglie servite, considerando anche l'estensione di Dirindello e San Savino bassa.

(UNWEB) Magione. Metanizzazione, ripartono i lavori per servire le zone prive di rete: è la volta di San Feliciano e Monte del Lago
Quasi 10 chilometri di scavi per estendere la rete metano oltre San Feliciano paese, arrivando nelle zone residenziali collinari e raggiungendo infine Monte del Lago. Saranno complessivamente oltre 250 le famiglie servite, considerando anche l'estensione di Dirindello e San Savino bassa.
Al termine delle opere previste nella gara – indetta nel 2011 e vinta da Estrareti, società poi confluita in Centria – i chilometri complessivi di rete nel Comune di Magione saranno passati dagli originari 35 km ad oltre 78 km finali.

La cronologia degli ampiamenti ha visto la realizzazione del primo tratto a Soccorso-Villa nel 2013 con prosecuzione, nel 2014, a Bacanella e zone industriali. I lavori hanno poi interessato le zone di Sole Pineta (2016), Rovarro-Caserino ed altre estensioni (2018), San Savino-Dirindello (iniziati nel 2019 e ancora in corso) e attualmente San Feliciano e Monte del Lago.

Sant'Arcangelo, fuori dall'attuale gara di concessione in quanto preesisteva una rete Gpl, sarà oggetto di approfondimenti legali per provare comunque a raggiungerla negli anni residui della concessione malgrado i 7 chilometri che la separano dall'attuale limite della condotta.
Per le altre frazioni – come Collesanto, Montesperello, Montecolognola, Montemelino, Vallupina, Antria e altre più remote o scarsamente abitate – l’amministrazione cercherà, compatibilmente con le procedure di gara, di farle confluire nel futuro appalto provinciale, obbligatorio dopo il cambio della normativa di settore.

“Il metano – commenta il sindaco Giacomo Chiodini – è una scelta di tutela dell'ambiente, di sicurezza domestica e di riduzione dei costi rispetto ad altre fonti di approvvigionamento energetico: un netto salto di qualità per le abitazioni e i luoghi di lavoro.
I progetti di estensione e la gara comunale – tra le ultime svolte in Italia prima dell'obbligo di consorzio in ambito provinciale (che ha poi di fatto rallentato tutti gli investimenti) – furono una felice intuizione del mio predecessore Massimo Alunni Proietti e della sua giunta di allora. Lo ringrazio assieme all'attuale assessore e all'ufficio lavori pubblici guidato dall'ingegnere Maurizio Fazi.”

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information