BoriI consiglieri regionali del Partito democratico Tommaso Bori, Michele Bettarelli e Fabio Paparelli, dopo aver partecipato al presidio sindacale organizzato questa mattina di fronte agli stabilimenti, esprimono solidarietà e vicinanza ai lavoratori della Sangemini. Per Bori, Bettarelli e Paparelli è necessario “ribadire l’importanza e la centralità di questa vertenza nel panorama regionale e nazionale” e “la Regione deve richiamare la proprietà al rispetto degli accordi intercorsi nel 2018”.

 

(UNWEB) Perugia,  – “Solidarietà e vicinanza ai lavoratori della Sangemini”. È quanto dichiarano i consiglieri regionali del Partito democratico Tommaso Bori, Michele Bettarelli e Fabio Paparelli.

“Abbiamo voluto essere presenti al presidio sindacale organizzato questa mattina di fronte agli stabilimenti della Sangemini – sottolineano Bori, Bettarelli e Paparelli – per ribadire l’importanza e la centralità di questa vertenza nel panorama regionale e nazionale. L’incertezza che si è venuta a determinare sul futuro di questo importate presidio produttivo, sommata al silenzio dietro il quale si è trincerata l’azienda, è ormai del tutto inaccettabile. Serve subito uno sforzo congiunto delle istituzioni per assicurare la continuità produttiva e difendere, fin da ora, ogni singolo posto di lavoro”.

“La Regione – continuano Bori, Bettarelli e Paparelli - deve richiamare la proprietà al rispetto degli accordi intercorsi nel 2018, in cui, a fronte dei sacrifici chiesti ai lavoratori, la proprietà si impegnò a garantire l’occupazione, a realizzare una più efficiente riorganizzazione produttiva, insieme a nuovi investimenti come quello della linea vetro che, a tutt’oggi, non è stata ancora realizzata. Aver ampiamente disatteso questo accordo, non può che mettere in discussione anche la stessa concessione dell’uso delle acque. Peraltro, come più volte ribadito anche oggi dalle stesse organizzazione sindacali, le scarse iniziative messe in campo, sono il frutto dei soli sacrifici dei lavoratori che da sette anni attendono il rilancio di questo complesso produttivo”.

“Auspichiamo – concludono Bori, Bettarelli e Paparelli - che si ristabiliscano quanto prima le normali relazioni industriali, tra azienda e rappresentanti dei lavoratori, e si possa trovare un accordo soddisfacente e risolutivo già nel corso del tavolo nazionale previsto per il prossimo 12 marzo, presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Per fare ciò è opportuno che la Giunta regionale convochi prima di quella data un tavolo regionale in cui, Regione e sindacati possano concordare una posizione unitaria sulla quale non faremo mancare il nostro sostegno”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information