Terzo-livello-formazione-universitaria(ASI) Perugia. Ammonta a 90 mila euro la somma destinata dalla Giunta regionale dell'Umbria su proposta dell'assessore all'Istruzione, Carla Casciari, a integrazione delle risorse per l'attuazione del programma annuale per il diritto allo studio 2014.


Entro il 29 dicembre le istituzioni scolastiche, le associazioni, le società, gli organismi e gli enti privati e pubblici non aventi scopo di lucro, potranno presentare progetti di rilevante contenuto didattico-pedagocico-sociale che abbiano ricaduta nell'attività della scuola umbra. Il bando sarà pubblicato nel sito istituzionale della Regione Umbria, nella sezione Istruzione/Bandi.
"Il Piano triennale in materia – ha spiegato l'assessore Casciari - prevede che la Regione assuma come elemento strategico per l'intervento di sostegno allo sviluppo dell'offerta formativa delle scuole, il riconoscimento della centralità dell'autonomia scolastica come motore dell'innovazione, con particolare riguardo all'autonomia didattica. L'obiettivo della Regione quindi, è di incentivare i processi di qualità attraverso la progettazione di attività didattiche innovative, sperimentali e di integrazione territoriale già inseriti nei Piani dell'Offerta Formativa (POF) delle singole scuole o dei nuovi POF di territorio. Con l'assegnazione delle nuove risorse si va ad integrare la somma già ripartita a finanziamento del programma annuale 2014 destinando così l'intera somma prevista nel bilancio regionale per il settore, compreso l'accompagnamento ai servizi per la prima infanzia".
Le aree tematiche prioritarie individuate per il triennio 2013-2015 sono le seguenti:contrasto alla dispersione scolastica nelle sue varie forme; educazione alla legalità e alla salute; rapporti con il mondo del lavoro, incluso lo sviluppo di competenze trasversali legate anche all'imprenditorialità; rapporto scuola-territorio; integrazione scolastica; ampliamento dell'offerta formativa,innovazione tecnologica.
In seguito alla pubblicazione del bando, i contributi saranno concessi sulla base di criteri di priorità e andranno a sostenere i progetti a supporto dell'offerta formativa che, attualmente, risente di una significativa riduzione di risorse nazionali. In particolare, sarà dedicata attenzione agli interventi volti all'integrazione di alunni a rischio di marginalità sociale, al sostegno di attività di sperimentazione e innovazione, alle iniziative di mobilità degli studenti in Europa. I progetti che usufruiscono di canali di finanziamento regionale diverso da quello presente, non potranno ottenere il contributo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information