20210615 115926Sabato 19 e domenica 20 giugno nella nuova location con 65 espositori, corsi di giardinaggio e tanti eventi collaterali
(UNWEB) - Perugia, – Diventato negli anni un appuntamento florovivaistico d'eccellenza in Umbria, conosciuto e apprezzato dagli amanti del giardinaggio di qualità e da un vasto pubblico sensibile alle tematiche dell'ambiente e del verde, nel prossimo fine settimana, il 19 e 20 giugno, Perugia Flower Show riempirà di colori e profumi i Giardini di Santa Giuliana.


Una due giorni che permetterà ai visitatori più esperti e ai nuovi appassionati di scoprire in anteprima nazionale le novità del settore e di incontrare i migliori collezionisti e produttori di rarità botaniche. L’edizione, che per la prima volta si terrà a giugno in una nuova location, sarà interamente dedicata alle varietà più affascinanti che raggiungono il loro massimo splendore nel periodo primaverile-estivo.
Questa mattina nella Sala della Vaccara del Comune di Perugia si è tenuta la presentazione della 23esima edizione. Ad aprire la conferenza stampa è stata Lucia Boccolini, amministratore di Magenta Events, organizzatori della manifestazione, precisando che l’evento seguirà tutti i protocolli anti Covid: “Non ci vogliamo fermare nonostante il periodo storico che non aiuta questo tipo di manifestazioni. Per questo ringrazio il Comune di Perugia, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia, l'Università degli Studi di Perugia con il Dipartimento di Scienze Agrarie e il nostro sponsor Gruppo Hera. Tutti hanno creduto in questa ripartenza. Ventitré edizioni, ma la prossima sarà come se fosse una prima, dato il cambio di location: una decisione dovuta al rinvio che la manifestazione ha dovuto effettuare dopo i decreti ministeriali di aprile. I Giardini del Frontone sono la nostra casa ma per il nuovo periodo scelto erano già occupati da un altro importante evento come il Cinema all'aperto. Così abbiamo deciso di virare verso un nuovo e bellissimo giardino come quello del Santa Giuliana”.
Gli amanti delle rose in questa edizione non potranno rimanere delusi: saranno ben tre i vivai specializzati che regaleranno una distesa meravigliosa dalle rose più comuni a quelle più particolari, non mancheranno poi i peperoncini, una ricca parte dedicata agli appassionati di piante grasse, ma anche piante Erbacee, Sempreverdi, Mediterranee, Ornamentali e altro ancora.
Un'edizione con circa 65 produttori e artigiani provenienti da tutta Italia, che daranno la possibilità ai visitatori di seguire anche numerosissimi corsi gratuiti sul giardinaggio, sul mondo dell'artigianato e incontri tematici sul mondo del verde. “Tantissimi corsi per grandi e piccini – ha proseguito Boccolini -, il pubblico uscirà dal Flower Show anche con un bagaglio culturale importante sul mondo della natura. Da non perdere, tra i vari appuntamenti in programma, l’incontro con Gianumberto Accinelli sul mondo delle api, previsto per domenica 20 giugno alle ore 16.30, e a seguire la degustazione gratuita di miele”.
“Un'altra bellissima manifestazione per Perugia – ha detto l'assessore comunale Clara Pastorelli -, un bel successo in questo momento di difficoltà che racchiude un importante messaggio per la ripartenza. Dietro è presente un'organizzazione meravigliosa che richiama pubblico, avvolgendo la città intera. Un'attenzione sempre grande per i bambini, per gli appassionati con tutti i corsi gratuiti durante la manifestazione, e poi la bellissima passeggiata per conoscere meglio il quartiere dove si terrà l'evento”.
Sulla stessa linea anche l'assessore comunale Gabriele Giottoli, che ha sottolineato quanto sia importante ripartire: “La situazione è complessa ma questi eventi danno grandi segnali”. Tanti i corsi gratuiti organizzati in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Agrarie, presentati dalla Prof.ssa Lara Reale: “Si è creata una grande sinergia con l'organizzazione dell'evento per cui abbiamo deciso di presenziare durante la manifestazione partecipando attivamente con alcuni corsi dedicati a tutti i visitatori come “Sos Piante” dove esperti del settore visiteranno le foglie malate che i visitatori porteranno per una diagnosi completa”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information