201973177 3024146901155661 6570917973147923006 n(UNWEB) “No alla chiusura degli sportelli bancari in Umbria, in particolare nei piccoli comuni. La Lega si è attivata sia a livello locale che regionale per garantire la presenza di un servizio essenziale per i cittadini e di un punto di riferimento per le imprese che operano nel territorio”.

È quanto dichiarano i consiglieri della Lega Stefano Pastorelli, Valerio Mancini, Francesca Peppucci, Daniele Nicchi, Daniele Carissimi, Paola Fioroni e Eugenio Rondini che ricordano “di avere presentato, nell’ultima seduta dell’Assemblea Legislativa, due documenti volti a impegnare la Giunta regionale ad avviare un confronto con gli Istituti di credito presenti nel territorio e ad attivarsi in tutte le sedi istituzionali necessarie per scongiurare la chiusura degli sportelli bancari, in particolare nei piccoli comuni”.

“È inaccettabile – spiegano i consiglieri della Lega – quanto sta accadendo nei comuni di Castel Ritaldi, San Giustino, Alviano e in tante altre realtà della nostra regione. Non possiamo permettere lo smantellamento dei servizi bancari di primaria necessità per i cittadini, per i turisti e per le imprese del sistema produttivo già in difficoltà a causa della pandemia. In particolare vengono penalizzati proprio i piccoli comuni e le fasce deboli della popolazione, come anziani costretti a percorrere chilometri per un prelievo di contanti e tutti coloro che si trovano in difficoltà nell’utilizzo di tecnologie digitali o impossibilitati negli spostamenti a causa di un trasporto pubblico poco sviluppato. Si tratta di questioni che impattano in maniera rilevante sull’economia del territorio, che determinano una perdita di posti di lavoro nel settore del credito e contribuiscono allo spopolamento dei piccoli comuni”.

“La presidente Donatella Tesei – concludono i leghisti –, rispondendo al question time (https://tinyurl.com/8ckznya8 (link is external)) ha confermato l’impegno per la tutela della continuità dei presidi. Esprimiamo soddisfazione anche per l’approvazione all’unanimità della nostra mozione (https://tinyurl.com/3xy9rtxb (link is external)) predisposta sulla base di incontri avuti in Seconda Commissione con i sindaci dei territori dai quali è emersa la realtà di comuni in cui ci sono depositi e c’è richiesta di investimenti, ma in cui gli sportelli vengono inspiegabilmente chiusi”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information