IMG 7153(UNWEB) Perugia. «Non abbiate paura di aprire gli oratori». Lo ha detto il cardinale Gualtiero Bassetti a conclusione della Messa Crismale, celebrata questa mattina (30 maggio) nella cattedrale di Perugia, rivolgendosi, in particolare, ai sacerdoti e ad una rappresentanza di animatori parrocchiali, nell’imminenza del periodo estivo segnato non poco dall’emergenza sanitaria in corso, parlando dell’importanza dell’impegno pastorale delle comunità parrocchiali per i ragazzi e per le loro famiglie.

«Siamo in una fase di ripresa e lo dimostra anche la celebrazione di stamani – ha commentato il presule –. Abbiamo riaperto le chiese al culto e adesso dobbiamo fare un passo in avanti tutti insieme per promuovere durante l’estate quelle attività pastorali, soprattutto per i ragazzi, che sono estremamente necessarie. Basti pensare che i nostri ragazzi sono rimasti in casa per tre mesi e non sono nemmeno andati a scuola. Quanti giovani, quante famiglie in questo periodo hanno sofferto di questa “clausura”. Nel periodo estivo dobbiamo fare sentire ancora più forte il nostro essere Chiesa. Molte famiglie dovranno lavorare tutto il giorno, senza godere delle vacanze, anche per recuperare quel lavoro che non è stato possibile svolgere».

Chiamati a fare qualcosa di più per i ragazzi. «Per questo, se negli anni passati abbiamo cercato di coprire uno spazio temporale di alcune settimane – ha proseguito il cardinale –, forse saremo chiamati a fare qualcosa di più per i ragazzi. Mi direte: che fatica! Lo comprendo bene, non sarà facile, dovremo certamente rispettare delle regole, ci mancherebbe altro. Ma, in attesa di avere delle linee guida ufficiali, io voglio farvi un invito, e utilizzo le parole che il Santo Papa Giovanni Paolo II, di cui da poco abbiamo celebrato il centenario della nascita, rivolse nel 2000 proprio ai giovani, all’inizio della Giornata Mondiale della Gioventù: “Non abbiate paura!”. Non abbiate paura ad aprire, nei modi in cui sarà consentito, i vostri oratori».

La Chiesa non sia una dogana. «Quest’anno dobbiamo puntare in alto – ha esortato il cardinale –, perché siamo chiamati a fare un servizio che forse nemmeno immaginavamo, ma tutto quello che succede è la Provvidenza che lo mette nelle nostre mani. E sono convinto che le famiglie, che riusciremo ad aiutare, ce ne saranno profondamente grate, perché avvertiranno anche in noi sacerdoti, nei nostri animatori la presenza di una Chiesa attenta e materna. La Chiesa, come ci ricorda papa Francesco, non sia una dogana, ma sia veramente una madre attenta e piena d’amore per tutti i suoi figli».

Gratitudine al Signore per le vocazioni. Il cardinale Bassetti, avviandosi alla conclusione, ha espresso gratitudine al Signore per l’ordinazione di venticinque sacerdoti diocesani nei suoi dieci anni di episcopato perugino-pievese, ai quali il prossimo anno si aggiungeranno altri sei. «Di questo ringrazierò per sempre il Signore – ha detto, con voce commossa, Bassetti –, perché aver ordinato venticinque presbiteri è stata l’esperienza più bella che ho fatto in questa Chiesa. E se il Signore mi darà la grazia di rimanere ancora, a giugno del prossimo anno, avremmo anche l’ordinazione di altri sei giovani sacerdoti. Per ora, e lo dico tremando, il Signore non ha tolto la sua mano dal capo di nessuno, li ha veramente prediletti tutti. Anche questo è un altro motivo per dire grazie a Dio».

Calendario delle prossime ordinazioni. Intanto il prossimo 29 giugno è confermata l’ordinazione sacerdotale del seminarista Alfonso Liguori e il 12 settembre successivo, festa dalla Madonna delle Grazie della cattedrale, ci sarà l’ordinazione a diaconi transeunti dei sei seminaristi perugini che si preparano a ricevere il sacerdozio il prossimo anno.

Pentecoste, dono di Dio che irrompe sull’Universo. Prima di impartire la benedizione, al termine della Messa Crismale, il cardinale Bassetti ha concluso dicendo: «Dopo tanto tempo ci siamo ritrovati nella nostra chiesa cattedrale, alla vigilia della Pentecoste. La Pentecoste è il dono dello Spirito che continua nella Chiesa, il dono di Dio che irrompe sull’Universo, abbraccia l’Universo e rinnova la terra. A tutti buona Pentecoste!».


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information