2020 06 Foto LAB Genetica Forense 3E' uno dei cinque laboratori italiani accreditati UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018, punto di riferimento non soltanto per l'Umbria ma anche per il centro sud

(UNWEB) Terni,  – Consulenza per identificazione personale e di tracce biologiche, riconoscimento o disconoscimento di paternità, studio di rapporti parentali complessi a favore di soggetti privati e per conto della magistratura, in sede sia penale che civile. Non è la presentazione di una serie tv ma è l'attività che viene svolta dal laboratorio regionale di scienze forensi sezione di genetica che ha sede presso l'Azienda ospedaliera Santa Maria e che recentemente ha ottenuto l'accreditamento UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018 (CAB Accredia numero 1830L). Si tratta di un importante riconoscimento di qualità basato su requisiti imposti a livello europeo e coerente con le determinazioni del Consiglio dell'Unione Europea sul potenziamento della cooperazione tra stati, in particolare nella lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera (23 giugno 2008, n. 2008/615/GAI) e sullo scambio dei risultati delle analisi del DNA (30 novembre 2009, n. 2009/C 296/01).

Unico centro regionale per la genetica forense, il laboratorio partecipa ad attività di ricerca in campo nazionale e internazionale essendo inserito nella rete dei centri di genetica forense afferenti al GeFI (Genetisti Forensi Italiani) e all'ISFG (International Society of Forensic Genetics).

"In questo modo il laboratorio di genetica forense dell'Azienda ospedaliera di Terni - spiega con soddisfazione la responsabile Eugenia Carnevali - è entrato nel ristretto numero dei laboratori italiani accreditati, cinque in tutta Italia oltre ai laboratori del RACIS-Carabinieri e della Polizia Scientifica. L'accreditamento attesta la competenza tecnica e il rispetto del sistema di qualità che consente di assicurare ai risultati il valore di prova scientifica, in quanto rispondenti a criteri di qualificazione tecnico-professionale che ne permettono la confrontabilità e la riproducibilità".

"L'attività annuale nella nostra regione è molto variabile - aggiunge la dottoressa Carnevali - perché dipende soprattutto dal numero di reati che si verificano, ma indicativamente seguiamo circa 30 casi per la magistratura e 10-15 procedure di paternità private".

Essendo annesso alla sezione di medicina Legale dell'Università di Perugia, il laboratorio è aperto alla frequenza di studenti e tirocinanti cui garantisce specifica formazione culturale e professionale. Gli appuntamenti per le prestazioni genetiche vengono fissati previo contatto telefonico chiamando i numeri 0744-205630 e 0744-202801 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 16. È possibile accedere alle prestazioni a fronte del pagamento dell'importo stabilito in base ad un Tariffario Aziendale.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information