Caduti di Nassirya 2020 717x1024Il messaggio del Sindaco Umberto de Augustinis

“Spirito di sacrificio e professionalità. È questo l’esempio che, a distanza di 17 anni, abbiamo il dovere di ricordare pensando a quanti, nel 2003, persero la propria vita nell’attentato di Nassirya.

 Un esempio che continuiamo ad avere il dovere di tramandare ai più giovani, per fare in modo, anche e soprattutto in questo periodo storico, in cui abbiamo più che mai bisogno di unità di intenti e serietà, affinché si abbia la capacità e la forza di agire sempre come donne e uomini di pace.

A causa delle disposizioni vigenti oggi non possiamo celebrare in una cerimonia pubblica, come abbiamo sempre fatto, la memoria dei nostri caduti a Nassiriya, ma non potremo mai dimenticare il sacrificio di quanti hanno agito nel tentativo di lasciare un mondo migliore a noi e ai nostri figli”.

La “Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace”, istituita con legge 12 novembre 2009, n. 162. Il 12 novembre è anche la ricorrenza del 17° anniversario dell’attentato di Nassiriya, avvenuto nel novembre 2003, in cui morirono 19 italiani e 9 iracheni. Tra gli italiani persero la vita dodici Carabinieri, cinque militari dell’Esercito e due civili.

 


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information