degradocim2(UNWEB) Uno stato di malessere sta avvolgendo  tutta Perugia, città, sempre più abbandonata e ripegata su se stessa.  Questa situazione non è dovuta solo al confinamento sociale imposto a causa della diffusione della pandemia. Esistono anche altre cause che fanno preoccupare i perugini.

Infatti, oltre al Covid-19 ci sono crisi economica, degrado e atti vandalici che non fanno dormire sonni tranquilli ai cittadini. Per la crisi economica è competente il Governo centrale a cui spetta il compito di trovare le soluzioni adatte per far riprendere le speranze alle tantissime attività commerciali, oggi, a rischio chiusura. Per questo le misure dovranno essere mirate e tempestive. Per il degrado,  spetta al Comune, prendere rapidamente atto della realtà ed intervenire attivamente per riportare la città ad uno stato decoroso e presentabile. In pratica farla ridiventare bella estecamente e vivibile come un tempo.

Mentre alle forze dell'ordine e magistratura, il compito di prendere e condannare severemente chi delinque. Lo si deve fare anche in questo periodo di emegenza sanitaria. Occorre applicare 'tolleranza zero' per chi compie piccoli o grandi crimini o si rende responsabile di atti vandalici. Va dato ai cittadini un segnale forte, deciso, severo e rassicurante. Allo stesso tempo da parte dei cittadini ci deve essere un risveglio d'amore per la città e per l'ambiente in cui si vive. Così come si deve avere la consapevolezza del peggioramento delle cose. Serve anche una reazione civile, necessita organizzarsi in comitati, il cui scopo dovrà essere il controllo sociale del territorio.

Queste sentinelle di quartiere dovranno segnalare il degrado e denunciare chi compie atti vandalici o/e i reati. E' impensabile ed inaccettabile  constatare che questi evidenti problemi si presentino in molti luoghi della città e che questi fenomeni negativi sono in aumento. Molte sono le cause che hanno portato a questa difficile, quanto complicata, situazione e non porre un deciso freno, ora,  sarebbe sia un grande errore sia foriero solo di maggiori disagi per la gente. Il rischio è che si accresca la distanza fra Paese reale e Paese legale e che venga minata la credibilità delle istituzioni. Per la verità, credibilità già al minino del gradimento.

Già, per la verità al minimo storico, Per questo occorre ascoltare il grido d'allarme della cittadinanza. Ciò, per evitare quello che i sociologi definiscono il punto del non ritorno, si impone un cambio di registro. I cittadini chiedono una radicale svolta e di passare alla 'tolleranza zero' per chi si macchia dei reati. Serve anche una legge inflessibile e la certezza della pena. Basta far sentire chi delinque  impunito. Tolleranza zero! Per questo servirà lo sforzo di tutte le parti in causa, cittadini compresi.

 Degrado e vandalismo effettuati nella zona del Cimitero monumentale

E' da alcuni giorni che nella zona antistante e vicino al Cimitero monumentale di Perugia si registrano atti vandalici e piccoli reati che hanno esasperato le persone e portato un clima insopportabile di insicurezza in questa area.

Vi raccontiamo 3 episodi avvenuti in questa area che testimoniano bene lo status delle cose.

degradocim2- Ieri vicino al Cimitero  uno o più delinquenti hanno rotto il vetro di una auto parcheggiata ed hanno rubato tutte le cose che si trovano dentro ed indisturbati si sono dileguati, lasciando sgomenti e preoccupati i commercianti chi vi operano.

 

 

sanbevignate3- Segnalazione di degrado vicino alla Chiesa dei Templari di San Bevignate. Questo prezioso sito artistico va tutelato e valorizzato perché è un centro di attrazione turistica che tutta Italia ci invidia. Invece in questa area vediamo con grande dissappunto che putroppo non è così.siringa

 

 

 

madonnina-Furto della statua della Madonnina. E' proprio vero che il fatto che vi rioportiamo supera, per la sua infamia, il più ignobile gesto vandalico. In un viale della zona è stata posta all'interno di una custosia di vetro una bella statua della Madonnina. La Madre Celeste messa dai devoti per   proteggere il luogo e benderire i viandanti. Ebbeme qualche mente disturbata si è macchiata di una miserabile azione: ha rotto con un sasso il vetro e rubato la statua della Madonnina. Quello che più inquieta e non può lasciarci tranquilli è cosa davvero si celi dietro questo meschino fatto. Cosa abbia davvero spinto una persona a compiere questo atto così vile. Un dubbio che lascia spazio alle più abiette ipotesi.viale

 

 

 

Vi abbiamo riportato 3 diversi, ma significativi episodi avvenuti, tutti, in uno spazio breve di tempo e, tutti, in un ambiente cirscoscritto di Perugia. Vicende che devono fare suonare più di un campanello d'allarme agli organi competenti ed a chi è chiamato a dare immediate, concrete risposte. Questa decadenza non è normale e rappresenta un preoccupante vuoto di valori  di una società sempre più allo sbando. Il sottovalutare il problema o il non vedere la sua pericolosa portata fino in fondo è da irresponsabili. Però la cosa peggiore e che ci fa essere tutti complici e il non provare a cambiare le cose.

 

 

 


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information