Riapre1A “Palazzo di Primavera” fino al 9 agosto inserite anche nuove opere uniche su tela.
Consigliata la prenotazione per gestire al meglio l’ingresso e le norme di sicurezza

(UNWEB) TERNI – Era rimasta aperta un solo giorno, quello dell’inaugurazione. Poi lo stop, dovuto al Decreto governativo che aveva “chiuso” l’Italia per l’emergenza “Covid 19”. Terni aveva subito un duro colpo per la vita culturale cittadina. Ma ora, con tutte le accortezze del caso dal punto di vista della logistica e della sicurezza sanitaria, la mostra "Andy Warhol ...in the city" è certo che riaprirà i battenti: data ufficiale, sabato 30 maggio (a partire dalle ore 10.30). E la buona notizia non arriva sola, della serie non tutti i mali vengono per nuocere. Tre le rilevanti novità: l’inserimento nelle sale di nuove opere uniche su tela, arrivate eccezionalmente nel frattempo da collezionisti americani, mai esposte prima in Italia; la prenotazione consigliata per regolare l’afflusso del pubblico in base alle normative vigenti in materia di prevenzione al Coronavirus; e la durata ampliata rispetto a quella originaria. La Pubbliwork Eventi, che organizza l’esposizione in collaborazione con l’associazione nazionale “New Factory Art” (realtà a cui aderiscono numerosi collezionisti italiani e appunto statunitensi sul tema “Pop Art”), grazie alla disponibilità dell’Amministrazione comunale è riuscita infatti a poter usufruire dei locali di Palazzo di Primavera di via Giordano Bruno, fino al 9 agosto. Ben dieci giorni di apertura in più rispetto appunto alla durata iniziale, che avrebbe abbracciato i mesi di marzo e aprile. Si è pensato, infatti, auspicando il graduale ritorno alla normalità in termini di turismo, di offrire una ulteriore possibilità agli appassionati di Andy Warhol e non solo, approfittando anche dei mesi estivi e del periodo di ferie. Con un ritorno per la città che sarà sicuramente importante.
Le 150 opere esposte, rimaste cristallizzate per due mesi e mezzo, e quelle aggiunte durante i due mesi di sospensione della mostra, potranno essere dunque ammirate in tutta la loro bellezza con l’allestimento pressoché invariato. Confermati anche gli spazi dedicati alla Pop Art emergente a firma Pier Giuseppe Pesce, Lucrezia Di Canio e Mark Kostabi. L’organizzazione ha ovviamente posto in essere le opportune misure di prevenzione alla diffusione del Coronavirus, come da normativa vigente e per questo saranno garantiti ingressi regolamentati con l’invito al pubblico di segnalare preferibilmente la propria visita prenotandola sul sito internet www.pubbliwork.it/andy-warhol, con l’indicazione di data e orario. Accesso consentito anche a chi non dovesse essersi prenotato, ma eventualmente scaglionato in base alla capienza massima per stanza espositiva. Garantiti, inoltre, il controllo del rispetto delle distanze e le opportune misure di sanificazione.
Ulteriori informazioni, anche su orari, biglietti e giorni di apertura, sono reperibili al medesimo indirizzo web o al 340.8115727.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information