ristorante a Gubbio parco coppo panoramica(UMWEB) Gubbio. Nelle scorse settimane si è costituito tra i cittadini del quartiere di San Marco in Gubbio il comitato “GUBBIO SALUTE E AMBIENTE” con l’obbiettivo di proteggere il quartiere e tutto il comprensorio eugubino dalle installazioni di centrali elettriche che brucino cippato di legna o altri materiali per produrre energia .


Nello specifico si richiede alle autorità comunali di riesaminare la documentazione presentata per la centrale prevista a San Marco e valutare la possibile revoca dei permessi rilasciati per i seguenti motivi:

1- L'estrema vicinanza e il non rispetto dalle distanze dai centri abitati come da piano regolatore comunale vigente;

2- L'estrema vicinanza e la noncuranza delle distanze da costruzioni di interesse storico e archeologico;

3- La presenza di produzioni agricole/alimentari di pregio valorizzate dallo stesso comune e vanto in tutta la Regione Umbria;

4- Di non aver tenuto conto che la zona è usata come percorso verde da sportivi e famiglie residenti a Gubbio est;

5- Di non aver tenuto conto che la nostra bella vallata è già sottoposta a dure pressioni ambientali dalle attività produttive presenti nel territorio e che questo tipo di attività incrementa il peggioramento della condizione ambientale generale;

6- Di valutare perché nei comuni limitrofi questi impianti sono stati bloccati direttamente dalle amministrazioni comunali, mentre qui a Gubbio questo è il terzo impianto a nascere, senza trovare opposizione dal punto di vista politico;

7- Non è stato garantito “il coinvolgimento dei cittadini in un processo di comunicazione e informazione preliminare all'autorizzazione e realizzazione degli impianti o di formazione per personale e maestranze future”, come previsto alla lettera g) par. 16 Parte IV delle Linee guida nazionali per l'autorizzazione di questi impianti.

Pertanto, il Comitato “GUBBIO SALUTE E AMBIENTE” ribadisce la richiesta di annullare e/o revocare in autotutela i permessi rilasciati per l'impianto a biomasse di San Marco, e chiede all’Amministrazione Comunale di dotarsi di un atto normativo che permetta di inibire i permessi futuri per questo tipo di progetti, come legittimo ai sensi dell’art. 6, comma 2, del D.lgs. 28/2011 e previsto dal Regolamento Regionale di settore n. 7/2011: la popolazione di Gubbio, si merita un pò di tranquillità e di ARIA PULITA.

....... LA TERRA IN CUI VIVIAMO NON L'ABBIAMO EREDITATA DAI NOSTRI PADRI, L'ABBIAMO PRESA IN PRESTITO DAI NOSTRI FIGLI.


Tv ASI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information