da sx Andrea Di Schino Giulia Morettini Gianluca Rossi Elisabetta Zanetti Michele Moretti(UNWEB) Nel corso del workshop sull’Additive Maufacturing, svoltosi a Terni, nella sede di Confindustria, sono state presentate le competenze e le dinamiche attività che in questo strategico settore vengono portate avanti dai gruppi di ricerca di Metallurgia (Prof. Andrea Di Schino), Misure (Prof. Gianluca Rossi), Costruzioni di Macchine (PhD. Giulia Morettini) e Tecnologie Meccaniche (PhD. Michele Moretti) del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia.

Il loro lavoro rappresenta, infatti, una forte base scientifica e tecnologica per lo sviluppo della manifattura additiva (stampa 3D) in ambito aeronautico in particolare e, in generale, nella regione Umbria, in tutti i suoi settori produttivi industriali, artigianali e anche nel settore medico che ne possono trarre grandi benefici economici e occupazionali.

L’incontro, sul tema “Additive manufacturing in applicazioni aerospaziali” ha visto una notevole partecipazione di pubblico da aziende umbre del settore aerospace.

Su invito del Prof. Gianluca Rossi (Presidente Tucep) è poi intervenuta all’incontro una rappresentanza di GE Additive che ha illustrato le attività di quello che è ritenuto il più grande business al mondo in questo settore.

Impossibilitato a partecipare, all’ultimo momento, l’AD di GE Additive Italia Fausto Asvisio (col quale il Prof. Rossi organizza incontri e corsi in Umbria a Ingegneria e al Tucep dal 2014), è stato l’ Ing. Massimiliano Di Domenico (GE Additive sede di Monaco) a illustrare tutte le più importanti applicazioni sviluppate da GE, dal 2012 ad oggi, e le future linee di sviluppo; in particolare per la realizzazione in serie di componenti metallici dei nuovi motori aereonautici come iniettori delle camere di combustione, palette statoriche e rotoriche, scambiatori di calore.

L’Ing. Marco Paura ha poi spiegato le recenti attività di Numanova nella produzione, a Terni, di polveri metalliche per l’additive e l’Ing. Mariano Zarcone (della Fondazione Amaldi) le problematiche nella realizzazione di componenti in rame.


Tv ASI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information