da sx Claudio Zeni Domenico Ignozza Fausto Cardella Carlo Sfacteria Paola MauriziIl procuratore generale di Perugia Fausto Cardella ha posto l’accento sul cyber bullismo

Insieme scuola, sport e istituzioni per aiutare i ragazzi a capire quanto è importante parlarne

(UNWEB) – Perugia, – Parlarne per combattere il fenomeno. In famiglia, a scuola, in ambito sportivo e anche con le forze dell’ordine. È l’invito e il consiglio che è stato rivolto agli studenti dell’Istituto tecnico tecnologico statale ‘Alessandro Volta’ di Perugia durante un convegno sul bullismo, venerdì 1 dicembre, nella sede della scuola, a cui hanno partecipato Domenico Ignozza, preside del Coni Umbria, e il procuratore generale della Repubblica di Perugia Fausto Cardella. Il secondo degli appuntamenti promossi nell’ambito della collaborazione tra l’istituto di Piscille e la Scuola regionale dello sport del Coni Umbria che ha avuto l’obiettivo di illustrare le caratteristiche del fenomeno, anche nella sua declinazione di cyber bullismo, e il ruolo delle istituzioni e delle agenzie educative nel contrastarlo. All’incontro, ad accompagnare gli studenti dell’indirizzo di Grafica e comunicazione con flessibilità sportiva, i professori Paola Maurizi e Mario Provvidenza, rispettivamente vicepreside e docente responsabile del progetto intrapreso con il Coni. Presenti inoltre il tenete colonnello Carlo Sfacteria e il maresciallo Claudio Zeni. “Il bullismo è un problema serio – ha spiegato Cardella – che c’è sempre stato e nei confronti del quale si stanno prendendo delle contromisure. Quello che mi sembra più preoccupante, ma è un segno dei tempi, è il cyber bullismo. Il fatto di servirsi della rete per questi atti di violenza, talvolta morale ma talvolta anche fisica, dà al fenomeno una diffusione e quindi una pericolosità grandissima. Ecco perché nei confronti di questa problematica” servono “– ha aggiunto Cardella – rimedi preventivi e informativi come quelli che stanno mettendo in atto le scuole e il Coni, che significa sport ad altissimo livello, quindi rispetto delle regole”. “Noi controlliamo i comportamenti dei ragazzi – ha spiegato la professoressa Maurizi –. La scuola ha un numero di studenti molto elevato e per questo abbiamo messo al primo posto, in collaborazione con le famiglie, il fatto che i ragazzi capiscano cosa significa essere corretti, rispettosi dell’altro e della diversità. Noi crediamo nello sport, è educativo, significa rispetto, amicizia, controllo del proprio corpo, del proprio comportamento. È fondamentale che ci sia questa collaborazione tra lo sport e il mondo della scuola perché le figure educative devono andare verso gli stessi obiettivi e questi momenti di incontro sono fondamentali”.
“Il fatto di rivolgerci oggi a giovani studenti che sono sicuramente atleti – ha aggiunto Ignozza – contribuirà in maniera profonda a fare in modo che il fenomeno del bullismo sia compreso e combattuto attraverso i valori che lo sport porta in sé. Questa collaborazione stretta tra la Scuola regionale dello sport del Coni e le scuole a vocazione sportiva credo continuerà perché i risultati che siamo ottenendo ci portano a sperare di poter ancora di più incidere nei valori dei nostri giovani”. “l ruolo delle forze dell’ordine – ha aggiunto il tenente colonnello Sfacteria – è duplice. Da una parte preventivo, e in questa occasione siamo in questa veste perché parliamo ai ragazzi, unitamente alle altre istituzioni, della cultura della vita, dello sport e di tutti gli accorgimenti per prevenire il fenomeno e conoscerlo meglio, perché molti magari sono vittime senza neanche rendersene conto. Dall’altra parte repressivo, per questo siamo sempre disponibili a recepire tutti i messaggi che ci arrivano dai ragazzi”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information