polizia di stato 1170x780(UNWEB) Perugia. Intervento in piena notte degli agenti della Squadra Volante della Questura, coadiuvati da una pattuglia dell'Arma dei Carabinieri e da una della Guardia di Finanza, nella vicina zona di Castel del Piano.

Giungeva alla Sala Operativa la segnalazione di una rissa, presso un bar, fra alcuni avventori.

All'arrivo della Volante e delle altre pattuglie alcuni partecipanti alla rissa facevano repentinamente perdere le proprie tracce.

Attivate le ricerche venivano, nell'immediatezza dei fatti, rintracciati 4 giovani italiani, tre uomini, di cui uno con precedenti di polizia per reati inerenti sostanze stupefacenti, lesioni ed un DASPO emesso dalla Questura di Modena, ed una donna, tutti in stato di alterazione alcoolica.

Alla richiesta da parte degli Agenti di mostrare i propri documenti i giovani si scagliavano violentemente contro gli operatori, aggredendoli senza scrupoli.

Ristabiliti gli equilibri, mettendo in situazione di non nuocere i 4 e condotti i primi accertamenti, supportati anche dalle immagini del sistema di videosorveglianza dell'esercizio commerciale, luogo della rissa, gli Agenti arrestavano i 3 uomini, 2 di 27 anni di età ed uno di 24 e la donna 29enne, per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali oltre a deferire all'Autorità Giudiziaria per il reato di rissa aggravata 2 dei tre uomini e la donna.

"Abbiamo visto scene di violenza inaudita – dichiara il Questore della provincia di Perugia, Dr. Antonio Sbordone – tra i giovani, e ce n'erano almeno 20 in quel momento, tutti senza mascherina e poi nei confronti dei nostri agenti. C'è quindi il tema della movida e c'è il tema della violenza: saremo inflessibili. Qui ci vuole l'impegno di tutti, Forze di Polizia, Istituzioni, associazioni di categoria ed anche famiglie. E' quanto mai necessario fare gioco di squadra perché la posta in gioco è troppo alta".

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate alla valutazione delle responsabilità di partecipazione alla rissa di altri soggetti nonché per l'applicazione delle sanzioni previste in materia Covid-19.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information