cop(UNWEB) Perugia. La telefonata di richiesta di aiuto al 113 della Questura di Perugia di un anziano, quasi ottantenne e fortemente allarmato, ha permesso di far capire agli agenti della Sala Operativa, l'importanza di un intervento rapido di un equipaggio della Squadra Volante.

Il povero anziano, intento nel condurre il consueto riposo pomeridiano all'interno della propria casa, nella periferia di Perugia – zona media valle del Tevere, veniva svegliato dall'inaspettato rumore di una persona che, bussando alla propria porta con fare deciso, lo chiamava più volte per nome.

Di soprassalto l'anziano proprietario aprendo il portone si trovava davanti un uomo distinto, molto elegante, con modi gentili ma determinati, il quale si qualificava come un dipendente di una nota banca italiana.

Durante l'approccio, molto affabile, il fantomatico funzionario di banca specificava all'anziano l'esistenza di un importante problema ricaduto che ricadeva sotto la responsabilità del poveruomo, consistente in un debito dalla cifra imprecisata che avrebbe dovuto saldare seduta stante.

La vittima, seppur presa alla sprovvista ricordava bene di non essere mai stato cliente, in vita sua, di quella banca e ciò ha permesso di generare il sospetto richiedendo all'uomo di allontanarsi dalla propria abitazione.

A seguito di questa vicenda l'anziano appariva visibilmente scosso e ciò ha condotto i poliziotti, non solo ad invitare l'uomo a sporgere denuncia ma anche a dedicare qualche attenzione in più necessaria a tranquillizzarlo, il tutto condito con preziosi consigli sui comportamenti da adottare in casi del genere.

Terminato il sopralluogo e raccolta la descrizione del truffatore gli agenti si mettevano alla ricerca dell'uomo che, almeno per il momento, faceva perdere le proprie tracce.

Nelle azioni di prossimità dedicate all'informazione del cittadino, soprattutto quando appartenente a fasce vulnerabili come potrebbe essere quella delle persone anziane, la Questura di Perugia attraverso il Progetto Enea, soprattutto in questo periodo estivo, dove potrebbe risultare più facile diventare vittime di certi reati predatori come la truffa, gli scippi o i furti in appartamento, raccomanda di osservare qualche prezioso accorgimento al fine di rendere la vita difficile a questi criminali.

Accorgimenti importanti:

non aprire il cancello e/o la porta agli sconosciuti

se proprio questo vi sembra necessario controllate il visitatore tramite lo spioncino e ricorrete all'uso della catenella del portone;

diffidare sempre dalle apparenze

un bel vestito, un sorriso cordiale, l'estrema disponibilità, sono tutte strategie per farvi abbassare la guardia e consentire di entrare in casa vostra, avvicinarvi per strada o all'uscita della vostra banca o dell'ufficio postale;

visita di una persona che vi mostra un tesserino

diffidate anche da chi vi mostra tesserini in qualità di dipendenti di banca o altre aziende. Se avete dubbi sulla loro identità contattate sempre il 113, il numero di emergenza della Polizia di Stato;

arrivo di un pacco ordinato da un proprio familiare:

se non riuscite a rintracciare telefonicamente il vostro familiare fate lasciare il pacco sullo zerbino, nell'androne del vostro condominio o comunque di fronte all'ingresso della vostra abitazione. Se ci sarà bisogno di apporre una firma ed avete intenzione di farlo, fatelo, ma sempre utilizzando la catenella del vostro portone.

mai pagare in contanti:

se decidete di acquistare dei prodotti da venditori porta a porta non è consigliabile effettuare pagamenti in contanti, il bollettino postale vi offrirà maggiori garanzie sulla società che vi sta offrendo il prodotto;

attenzione alle offerte:

alle iniziative, alle occasioni all'apparenza assai vantaggiose, non sarà una visita porta a porta o una telefonata a proporvele;

non firmate mai ciò che non vi è chiaro;

non date confidenza al telefono

attenzione a qualsiasi iniziativa che vi venga proposta "per appuntamento".

Evitate di dare confidenza a persone che riferiscono di avervi contattato per sbaglio. Sovente si tratta di persone che puntano ad estorcere informazioni su di voi;

non mandate mai i vostri nipotini ad aprire la porta di casa;

quando siete fuori casa non fatevi distrarre

basta una spinta, una battuta simpatica, un'improvvisa manifestazione di affetto da parte di un estraneo, soprattutto se avvengono in ambienti affollati come il mercato o il negozio di alimentari: sono tutte circostanze favorevoli per ladri e truffatori;

operazioni di prelievo di denaro

in banca o all'ufficio postale, come ad esempio in occasione del ritiro della pensione, se potete, fatevi accompagnare. Nessun impiegato delle poste o della banca vi seguirà fuori dalla sede per ricontrollare il denaro elargito. Se vi sentite osservati durante le operazioni di prelievo evitate di operare e chiedete aiuto ai dipendenti;

quando ti assenti da casa per lunghi periodi chiedi ai vicini di ritirare la posta per te, una cassetta postale piena indica che sei via da alcuni giorni;

se hai oggetti di valore fotografali ed annota le loro caratteristiche, sarà utile in caso di furto;

se ricevi spesso telefonate anonime questo potrebbe essere un modo per controllare quando in casa non c'è nessuno.

Se perdi le chiavi di casa cambia subito la serratura.

SE SI HANNO DUBBI DI ESSERE VITTIMA DI UN TENTATIVO DI TRUFFA NON ESITARE A CHIAMARE LA POLIZIA DI STATO AL NUMERO DI EMERGENZA 113

Presso la Questura di Perugia sono attivi anche i seguenti canali dedicati alle fasce vulnerabili della cittadinanza:

+39 337 1139736

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questi contatti non sono riferimenti per emergenze bensì parte integrante del Progetto Enea dedicato alla prossimità verso le fasce vulnerabili, attraverso i quali si può entrare in contatto con un operatore di Polizia e richiedere informazioni in base alle proprie esigenze e criticità.

In caso di difficoltà a muoversi la persona può richiedere di effettuare denunce-Querele direttamente a domicilio, realizzare e ricevere, in caso di situazioni emergenziali, come ad esempio cure da effettuare all'estero, il passaporto direttamente a domicilio, regolarizzare, sempre a domicilio, la posizione sul Territorio Nazionale di badanti e colf che assistono anziani non autosufficienti, poter effettuare la comunicazione di cessione del fabbricato riguardante le persone che vengono ospitate nella propria abitazione.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information