polizia di stato 1170x780(UNWEB) Perugia.  "Misure mirate e servizi di Ordine e Sicurezza Pubblica nel Capoluogo sono state pianificate, sotto il coordinamento della Questura di Perugia, finalizzate alla più efficace attività sinergica di prevenzione e controllo rivolta agli abituali attori, frequentatori e location della così detta movida, fenomeno questo, quando non condotto sotto l'osservazione di regole comportamentali opportune, che scaturisce in problematiche molto gravi come il propagarsi del fenomeno epidemiologico da Covid19 e l'aumento del degrado E dell'illegalità diffusa.

La notte scorsa, nel Centro Storico della città, zona maggiormente interessata dal fenomeno movida, è stato realizzato uno specifico servizio, coordinato dalla Questura di Perugia, caratterizzato da una azione interforze garantita da personale della Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale e Polizia Locale.

La presenza degli agenti, impegnati prevalentemente in servizi appiedati al fine di garantire la capillarità e la prossimità verso i cittadini, unitamente al consistente contributo di personale volontario dell'Associazione Europea Operatori di Polizia Gli agenti impiegati, ha permesso di rilevare, certamente, un decremento del numero di persone presenti nelle piazze e vie del centro ma, ancor più importante e un netto incremento nell'utilizzo del dispositivo sanitario di protezione, la così detta mascherina, consentendo agli agenti di intensificare i controlli dedicati al degrado ed all'illegalità diffusa.

L'operato dei 12 volontari dell'AEOP, sino a notte inoltrata, ha permesso di generare un impulso di coscienza e sensibilità verso le disposizioni del Ministero della Salute. Gli operatori infatti si sono resi disponibili non solo nel "ricordare" ai cittadini le disposizioni da rispettare ma rimanevano a disposizione degli stessi come dei veri e propri uffici informazioni mobili cercando di rispondere a tutte le domande e i dubbi a cui venivano sottoposti.

L'importante servizio di polizia è stato contraddistinto da risultati molto interessanti sia in ordine preventivo che repressivo, infatti proprio nella prima fascia della nottata gli agenti intervenivano, in una via del centro, nei confronti di alcuni ragazzi, tutti di una età compresa fra i 21 e 24 anni alcuni intenti ad urinare sui muri e nelle adiacenze dei portoni delle abitazioni mentre altri autori di fortissimi rumori prodotti all'interno di una abitazione a causa di uno svolgimento di una festa.

Una volta identificati, con l'ausilio della Polizia Locale, gli autori venivano immediatamente sanzionati.

Per quello che riguarda attività relative a sostanze stupefacenti, nel prosieguo della nottata, durante l'effettuazione di controlli, è stato sorpreso, in via dei Priori, un cittadino italiano nato a Napoli di 19 anni, il quale occultava su se stesso della sostanza stupefacente del tipo hashish, dichiarata per uso personale. Il soggetto veniva denunciato per detenzione di sostanza stupefacente e deferito all'A.G.

Durante i controlli estesi anche agli esercizi commerciali, in un noto bar del centro storico, veniva sorpresa la dipendente, una cittadina extracomunitaria di 37 anni, somministrare un cocktail alcoolico ad un ragazzo minorenne italiano di 17 anni senza accertarsi dell'età anagrafica del giovane.

Nel resoconto delle attività di servizio della nottata è importante evidenziare il soccorso messo in atto dagli operatori nei confronti di una ragazza che lamentava uno stato di malessere ad una gamba, l'azione immediata delle forze di Polizia nel sedare una lite generata fra minori e le ancora incorso azioni di ricerca di due presumibili cittadini extracomunitari i quali sottraevano, ad un ragazzo italiano di 19 anni il proprio cellulare.

La realizzazione di servizi mirati come quello della notte trascorsa pone un punto fermo sulla chiara funzionalità delle attività realizzate in sinergia con le varie istituzioni al fine sì di limitare il potenziale di diffusione del virus ma, fondamentale, rendere la vita del centro e dei vari quartieri di Perugia di una qualità sempre più elevata attraverso il contrasto di comportamenti incivili, degradanti ed illegali a cui spesso una movida scellerata può portare." 

Così, in una nota, la Questura di Perugia


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information