Intervento in laparoscopia 3DpL’equipe del Prof. Amilcare Parisi eseguirà due interventi in live surgery. in occasione del congresso internazionale di chirurgia dell’apparato digerente

(ASI) Terni. Nell’ambito del 26esimo congresso internazionale della chirurgia dell’apparato digerente che si sta svolgendo a Roma (Auditorium del Massimo - 19 e 20 novembre), dal S. Maria di Terni l’equipe diretta dal Prof. Amilcare Parisi eseguirà due interventi di live surgery, uno per il trattamento del tumore dello stomaco, con un innovativo approccio interamente mininvasivo per mezzo della tecnologia robotica, e l’altro per acalasia esofagea, trasmessi in diretta con centri chirurgici internazionali.

Il congresso è un evento unico nel suo genere che fa della chirurgia in diretta lo strumento principe per fare il punto sulla chirurgia digestiva, dalle tecnologie d’avanguardia agli aggiornamenti italiani e stranieri. Coinvolge oltre 60 sale operatorie in tutto il mondo collegate contemporaneamente; sono 3mila gli iscritti che stanno seguendo le procedure direttamente presso l’Auditorium del Massimo a Roma, 100mila gli utenti che stanno seguendo le procedure nei diversi centri internazionali e via web streaming. La struttura complessa di chirurgia digestiva e unità fegato dell’ospedale di Terni ha superato un rigoroso processo di selezione per accedere all’evento.

Si tratta di una grande opportunità per tutti noispiega il Prof. Amilcare Parisi, direttore della struttura complessa di chirurgia digestiva e del dipartimento di chirurgia dell'apparato digerente e gastroenterologia dell’Azienda Ospedaliera S.Maria di Terni - Eseguiremo in diretta due procedure chirurgiche, con possibilità di dialogo con gli operatori degli altri centri e con tutti i partecipanti al congresso. Utilizzeremo l’approccio robotico, una tecnica che siamo riusciti a sviluppare grazie al supporto della direzione aziendale, che ha investito in termini di aggiornamento tecnologico e di formazione e riorganizzazione di tutto il personale coinvolto”. La struttura diretta dal Prof. Parisi è infatti specializzata da anni in chirurgia oncologica mininvasiva, dove le tecniche laparoscopiche e anche robotiche sono ormai praticate di routine come in pochi altri centri in Italia.

In particolare, nel corso della diretta, il Prof. Parisi eseguirà un intervento per tumore dello stomaco utilizzando una innovativa tecnica chirurgica per il trattamento del cancro dello stomaco, messa a punto dal Prof. Parisi insieme alla sua equipe, utilizzando un approccio interamente mininvasivo per mezzo della tecnologia robotica. Una procedura unica, la cui ideazione è partita proprio dal centro ternano e che ora è oggetto di pubblicazione sulla prestigiosa rivista internazionale Medicine. L’intervento, una gastrectomia totale, è tra i più complessi nell’ambito della chirurgia dell’apparato digerente e consiste nell’asportazione di tutto lo stomaco con associata rimozione in un unico blocco di tutte le stazioni linfonodali loco-regionali, secondo le più aggiornate linee guida oncologiche internazionali, e nella successiva ricostruzione del tratto digerente. L’unicità della procedura è l’esecuzione di tutte queste fasi dell’intervento senza l’apertura della parete addominale. La rimozione dell’intero stomaco e la ricostruzione del tratto digerente è eseguita completamente mediante strumenti robotizzati. Tutto questo attraverso alcune piccole incisioni di soli 8mm.

Il Prof. Parisi commenta: “L’intervento chirurgico deve seguire delle regole che garantiscano la radicalità oncologica, in modo da perseguire un intento curativo e una lunga sopravvivenza. Il dipartimento di Chirurgia Digestiva dell’Azienda ospedaliera di Terni ha una rilevante esperienza e casistica in questo ambito e oggi si pone all’avanguardia nel trattamento del cancro gastrico e si candida come centro di riferimento internazionale per questa patologia. Inoltre, grazie alla disponibilità di un robot “da Vinci Si” di ultima generazione, l’abilità tecnica dell’operatore si associa ad un intervento svolto completamente in chirurgia mininvasiva. In questo modo la garanzia di un intervento radicale si unisce ad un eccellente decorso post-operatorio caratterizzato da un ridotto dolore, un veloce recupero della funzionalità digestiva e una rapida dimissione, in media dopo appena 3 giornate dall’intervento, con un netto miglioramento della qualità della vita rispetto ad un approccio in chirurgia tradizionale”.

Edoardo Desiderio – Agenzia Stampa Italia

2Parisi illustra tecniche chirurgiche al corso nazionale di laparoscopia avanza

laparoscopia 3Dp


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information