lasttime(ASI) Perugia.In occasione dei cinquanta anni di attività di Giuliano Giuman, Perugia dedica all'artista una grande mostra, promossa, d'intesa, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - MiBACT, dalla Galleria Nazionale dell'Umbria, dal Comune di Perugia, dall'Università per Stranieri di Perugia, dall'Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci".

L'evento, curato dal Soprintendente Fabio De Chirico e da Bianca Pedace, si svolgerà dal 7 febbraio al 12 aprile 2015 e si articolerà in più sedi, di elevato valore simbolico, nel centro storico della città: dagli spazi della Galleria Nazionale dell'Umbria e del Comune a Palazzo dei Priori, che ospiteranno il percorso principale, a quelli dell'Università per Stranieri, al Museo dell'Accademia. Lontana da intenzioni celebrative, Last time non sarà un'antologica ma una finestra aperta sulla produzione attuale dell'artista, punteggiata da pochi e mirati rimandi alla sua storia, che si è intrecciata con le vicende più rilevanti dell'arte contemporanea internazionale, dal concettuale al ritorno alla pittura fino alla peculiare cifra musicale. L'esposizione, tesa a costruire un'ipotesi di lettura coerente della nuova stagione creativa, sempre più libera nella inedita freschezza dei lavori in vetro di matrice postconcettuale, è costituita da opere recenti appositamente realizzate e da grandi installazioni site specific.

La mostra, che rappresenta uno degli eventi artistici più rilevanti della stagione, rende omaggio a un artista che ha al suo attivo mezzo secolo di attività, nel corso del quale la sua ricerca ha esplorato molteplici frontiere raggiungendo sempre esiti qualitativi che si sono segnalati a livello nazionale e internazionale.

"L'amico Giuman - ha commentato l'Assessore alla cultura Teresa Severini - porta qui con Last Time un lavoro fatto di ricerca continua e i segni di una crescita e di una certezza del passato necessaria per poter guardare al futuro. Cinquanta anni di attività e circa cinquanta mostre: un'attività incessante che sgorga da una grande sensibilità mostrata anche nei suoi riferimenti al mito da cui tutto nasce". "Dalla percezione di quello che appare da questa mostra – ha proseguito l'assessore - ci si rende conto di essere ad un evento assolutamente non usuale e che mette la nostra città al pari delle altre grandi città internazionali dove Giuliano Giuman ha esposto le sue importanti opere. Proiettare Perugia nel mondo attraverso importanti richiami come questo è certamente un obiettivo cui ambire. Sono orgogliosa della nostra città e sono orgogliosa del lavoro del maestro Giuliano Giuman ".


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information