UE ConcertiAlba Beethoven.ImmortalAmata.wDomenica 8 Settembre, ore 6.40, Giardini Carducci, Perugia

(UNWEB) Perugia. “Il mio cuore trabocca di tante cose che vorrei dirti...ah!...vi sono momenti in cui sento che le parole non servono a nulla — sii serena — rimani il mio fedele, il mio unico tesoro, il mio tutto, così come io lo sono per te. Gli dei ci mandino il resto, ciò che per noi dev' essere e sarà. Il tuo fedele Ludwig”. Così scriveva Ludwig van Beethoven, rinominato dalla storia Titano della Musica, il 6 luglio 1812 “di mattina” dalla stazione termale di Tepliz, in Boemia. La confessione di un amore assoluto, profondo, appassionato e tenero, consegnato a missive probabilmente mai inviate.

Il nome della fortunata donna, destinataria di un sentimento tanto travolgente quanto raro, sembra essere ancora oggi la principale domanda senza risposta con cui i biografi di Beethoven devono confrontarsi. Ma, al di là delle ricostruzioni storiche - che danno tuttavia come più probabile il nome di Antoine von Birkenstock Brentano – le parole dedicate alla sua Immortale Amata restituiscono l’immagine di un uomo decisamente lontano dallo stereotipo beethoveniano del burbero solitario, impulsivo, insofferente e scortese con il prossimo. Al contrario, le tre lettere destinate all’Immortale Amata – che, data la contiguità dell’arco temporale in cui sono state scritte, fanno pensare piuttosto a tre momenti di un unico ideale messaggio – e, con esse, il Testamento di Heiligenstadt, ci parlano di uno spirito generoso e socievole, costantemente alla ricerca di quell’afflato umano e di quella serenità affettiva che i problemi fisici gli precludevano.

Con l’ultimo appuntamento della quarta edizione dei Concerti dell’ Alba a Perugia – Giardini Carducci, Domenica 8 Settembre, ore 6.40 - UmbriaEnsemble (Cristiano Rossi, Violino; Luca Ranieri, Viola; M. Cecilia Berioli, Violoncello; Domenico Benedetti Valentini, Voce narrante) intreccerà un dialogo tra la voce più nota del Maestro tedesco, la sua Musica, e quella più segreta, le sue lettere. Quindici anni dividono la composizione del Trio op. 3 in Mib Maggiore dalle lettere all’amata; ma identica è la capacità di modulare i registri dell’anima dalla più sognante tenerezza, all’energica determinazione della propria volontà. “Pur ancora a letto, i miei pensieri volano a te, mia Immortale Amata, ora lieti, ora tristi, aspettando di sapere se il destino esaudirà i nostri voti — posso vivere soltanto e unicamente con te, oppure non vivere più — Sì, sono deciso ad andare errando lontano da te finché non potrò far volare la mia anima avvinta alla tua nel regno dello spirito “.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information