cardella 3Molto partecipato il dibattito a Passignano con Fausto Cardella, Luigi Prosperetti e Isabella Maria Stoppani
I tre giuristi hanno discusso del “Processo” di Kafka e delle lacune del sistema giudiziario italiano

(UNWEB) Passignano. “La giustizia italiana non funziona e ha bisogno di un potente investimento in capitale umano”. È questa la sintesi delle osservazioni espresse ieri sera, domenica 8 settembre, nell'Hotel Lidò di Passignano sul Trasimeno da Giulio Prosperetti, giudice della Corte costituzionale, Fausto Cardella, Procuratore Generale della Repubblica a Perugia e lsabella Maria Stoppani, avvocato e Consigliere nazionale forense. I tre giuristi hanno animato un partecipato dibattito dedicato al “Processo” di Kafka e organizzato dall’Isola del Libro Trasimeno, la kermesse culturale estiva ideata da Italo Marri. Tra numerosi aneddoti delle rispettive carriere, i relatori hanno ragionato sugli aspetti più problematici del mondo della magistratura.

Come base della discussione è stato posto il classico di Kafka “Il processo”, di cui Carla Cicioni, medico e attrice teatrale, ha letto alcuni brani nel corso dell’evento. “La prima cosa che Paolo Borsellino disse a noi uditori – ha ricordato Cardella, Procuratore Generale della Repubblica a Perugia - fu di leggere Il processo di Kafka, o al limite di rileggerlo”. E il perché ha provato a spiegarlo Giulio Prosperetti, giudice costituzionale nato proprio a Perugia. “È un libro emblematico e importantissimo, dove alla fine il protagonista quasi si convince di essere colpevole. Un capolavoro a lungo studiato anche dalla psicologia”. “Persino in un ordinamento garantista come il nostro – ha ricordato Prosperetti - ci vuole davvero poco perché le paure di Kafka si realizzino”. “Un libro – ha ricordato l’avvocato Stoppani – che forse Kakfa scrisse come reazione a chi lo costrinse a studiare Legge”.

Nel corso dell’evento sono stati tanti i temi affrontati dagli ospiti, un giudice costituzionale, un avvocato e un procuratore a rappresentare i diversi volti della giustizia. Dal ruolo della discrezionalità del giudice (“che per alcuni è ancora un semplice funzionario, mentre deve avere orgoglio del proprio ruolo”, ha notato Prosperetti), all’importanza delle regole processuali (“la procedura, se rispettata, è una garanzia per tutti, anche quando sovrasta la verità”, hanno ricordato Stoppani e Cardella), fino alla formazione della classe forense (“si è investito troppo poco sulle specializzazioni, che invece sono fondamentali”, ha affermato ancora Stoppani).

Ma il fulcro del dibattito è stato il tema della forza lavoro. “Il problema della giustizia italiana è di persone, non di ordinamento – hanno concordato i relatori -. Per un cittadino rivolgersi al processo è un diritto e non un capriccio, ma gli avvocati sono troppi e i giudici troppo pochi. Questo ha tolto prestigio alla classe forense, che fa letteralmente la fame, e allungato a dismisura i processi”. Perché è successo? “Perché i laureati in Giurisprudenza – ha spigato Stoppani - hanno visto ridursi sempre di più le proprie alternative di carriera, come i concorsi pubblici, e si sono rifugiati tutti nell’avvocatura”. Prosperetti ha poi riflettuto sull’accesso alla magistratura: “In Italia si è scelta la strada dei giudici giovani, ovvero laureati da pochi anni che affrontano un concorso. In altri paesi i giudici sono avvocati anziani. Un giudice giovane ha dei pregi (è ritenuto più affidabile, idealista e meno influenzabile) ma conosce molto meno la realtà. Magari – ha ironizzato il giudice costituzionale – si infervora per liti di condominio perché se ne sente toccato, mentre può trattare con sufficienza cause miliardarie”.

Infine Cardella ha parlato della separazione delle carriere fra magistrati inquirenti e giudicanti (“non è la strada giusta, anzi rischierebbe di creare dei super-poliziotti”) per poi tornare sul protagonista del romanzo di Kafka. “Se lui è un innocente che si sente colpevole – ha scherzato – i nostri imputati si dicono innocenti anche quando sono colti in flagranza”.

Gli appuntamenti dell’Isola del Libro continuano il prossimo fine-settimana.

Sabato 14 settembre, alle ore 17.30, presso l’Hotel Kursaal di Passignano sul Trasimeno, Alba Scaramucci presenta il libro Rapsodie per Vittoria Aganoor Pompilj (Volumnia) insieme a Fabrizio Bracco e Anton Carlo Ponti. Domenica 15 settembre doppio appuntamento: alle ore 11.30, nella Rocca di Passignano, si inaugurerà la mostra pittorica Compost di Franco Passalacqua, ancora con Anton Carlo Ponti. Alle 17.30, all’Hotel Kursaal di Passignano, spazio a due ospiti d’eccezione: Cinzia Tani, che presenterà il libro Donne di spade (Mondadori), e Guido Barlozzetti, che parlerà del suo Viaggio di Freud. Orvieto, Signorelli, il Trasimeno e Annibale (GAL). A coordinare l’evento il giornalista Riccardo Marioni.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information