13124916 604530586379254 6380176431451453258 n(UNWEB) Perugia. Un ospite d’eccezione domani, mercoledì 6 maggio per “Vociperilmuseo”, la rubrica ideata da Lara Anniboletti con l’assistenza video e informatica di Alessandro Tenerini, nella pagina Facebook del Polo museale dell’Umbria (ora Direzione generale musei dell’Umbria). L’insigne etruscologo e accademico dei Lincei Mario Torelli proporrà, infatti, una lettura inedita dei rilievi del sarcofago dello Sperandio raffrontandoli con la ritrattistica romana repubblicana.


Esposto al Museo archeologico nazionale dell’Umbria (piazza G. Bruno, 10, Perugia), realizzato in “pietra fetida”, pietra calcarea tipica dell’area di Chiusi, il sarcofago deve il suo nome alla via in cui si trovava l’ipogeo etrusco in cui fu rinvenuto nel 1843. Presenta scene di banchetto sui lati brevi e sulla fronte della cassa un corteo funebre e un rituale dionisiaco. È stato ipotizzato che fosse stato concepito per ospitare il corpo di un guerriero d’alto rango, forse uno di quei “principi guerrieri” che si erano stabiliti nell’Etruria interna.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information