mamma(UNWEB) Vi proponiamo la poesia 'A te mamma' del giovane lettore del giornale Federico Bogna.

A te mamma

Una lacrima squarcia il cuore,

ora me lo hai fatto capire.

L’a fuori il cielo piange

Rimane solo una nota triste.

Le nubi urlano; il lamento rimbomba nel mio cuore.

Un cuore che ha dato e dà tanto.

Un sentimento troppo profondo,

un lento respiro che accompagna l’imbrunire

e soffoca nel silenzio l’amore che ho da offrire.

Ti ricordi mamma di quando ero un bimbo,

puro buono e semplice.

Il destino fatale nel percorso ci ha divisi;

la mia sofferenza non ha un nome,

lascia ancora che io stia senza respiro.

In un attimo ci rivedremo,

da soli con le mani unite

e sarà lì che passati i lunghissimi giorni,

ci potremo riabbracciare.

Federico Bogna


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information