Medialismi MEDIALISMI 2.0'2.0. Al Corciano Festival una mostra diffusa per i luoghi dell'antico Borgo.
Un percorso aristico che abbraccia chiese, musei, strade, piazze e spazi di affissione pubblica per una grande e originale esposizione collettiva.

(UNWEB) Corciano. Il progetto, in mostra dal 13 agosto al 13 settembre 2020, è ideato e curato da Gabriele Perretta e si rifà al concetto di Pratiche Mediali Diffuse, ovvero un'arte realizzata con il supporto della tecnologia e dei diversi linguaggi dei new media.

"Medialismi 2.0'2.0. Impronte, corrispondenze, stendali, metessi & altre storie..." è la mostra ospitata dalla 56^ edizione del Corciano Festival (in programma dal 13 al 16 agosto) che sarà inaugurata nella prima giornata della kermesse, giovedì 13 agosto a partire dalle ore 18.00 e rimarrà in esposizione fino al 13 settembre 2020.

Il progetto artistico si rifà al concetto di Pratiche Mediali Diffuse, ovvero un'arte realizzata con il supporto della tecnologia e dei diversi linguaggi dei new media e si articola in sei segmenti correlati: MediAzioni & Co-rispondenze, Metessi (Opera/Pensiero), Impronte, Stendali, Manifesti, Pro.Segni.

La mostra sottolinea la centralità del tema dell'incontro con l'altro e segue lo sviluppo del fenomeno intermediale e il suo intrecciarsi con i concetti fondamentali della relazione.

L'esposizione vedrà realizzati e impiegati materiali e tecniche diversi: video, fotografia, disegno, illustrazione, fumetto, poesia, installazioni, scultura, performance, pittura, suono, cinema, letteratura, narrazioni, scritture. Le opere inerenti alle diverse sezioni, saranno collocate in sette diversi luoghi del Borgo di Corciano, utilizzando spazi interni ed esterni: Chiesa Museo di S. Francesco, Stanze del Palazzo Comunale, Spazi di affissione pubblica, Strade del Centro Storico, Museo Antiquarium (Corciano), Piazza Coragino, Chiostro del Palazzo Comunale.

Il progetto è stato realizzato sotto l'ideazione e la cura di Gabriele Perretta, seguendo la traccia di questo suo pensiero, che risale al periodo 1984/89 e che ha caratterizzato il suo percorso critico fino ad oggi: «Ogni testo si costruisce come mosaico di segni, ogni testo è assorbimento e trasformazione di un altro testo. Al posto della nozione di intersoggettività si pone quella di intermedialità, e il linguaggio artistico si legge come double bind o double exposure».

Le sezioni dell'esposizione

- MediAzioni & Co-rispondenze: Parola e azione sociale, che incrociano la musica, il cinema, la scrittura, la poesia per stimolare nuovi approfondimenti

- Metessi e Opera-Pensiero: Conoscere la neo e la post-avanguardia artistica e i suoi effetti sociali.

- Impronte: Performance, esposizione di fotografie, illustrazione e tavole visive di particolare incisività.

- Stendali: Le opere realizzate site specific per la scorsa edizione, installate in un nuovo percorso mediale all'interno del Borgo.

- Manifesti: Opere iconografiche, metagrafiche e scritture poetiche, stampate su manifesti di pubblica affissione.

- Pro.Segni: Esposizione dei bozzetti originali, creati dagli artisti per la realizzazione degli Stendali dell'edizione 2019 del Corciano Festival.

Ideazione, cura e disegno esecutivo di Gabriele Perretta; ordinamento e allestimenti di Nello Teodori; supporto e coordinamento organizzativo: Antonio Maria Pagana, Lorenzo Spurio Passamonti, Angela Nucci, Luca Rossi.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information