agricoltura 620x3501(UMWEB) Perugia– “Non sono più tollerabili i ritardi da parte di Agea nei pagamenti alle imprese agricole beneficiarie delle misure del Programma di sviluppo rurale. Il rapporto con l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura rimane molto insoddisfacente e per questo torneremo non solo a manifestare tutto il nostro disagio, ma anche a ribadire le nostre richieste in un incontro ufficiale che sarà fissato a breve”.

È quanto afferma l’assessore regionale all’Agricoltura, Fernanda Cecchini, che ha informato la Giunta regionale sull’andamento del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 e sulle problematiche relative ai pagamenti ricevendo il mandato di tornare a rappresentare ad Agea “il disagio della Regione e soprattutto le forti difficoltà finanziarie degli agricoltori umbri causate dai mancati pagamenti e conseguentemente a sollecitare un confronto con la stessa Agenzia, insieme alle organizzazioni agricole, volto a sbloccare le procedure ancora non entrate a regime e consentire nel giro dei prossimi due-tre mesi di rientrare in maniera significativa dai ritardi accumulati”.
“Chiederemo in particolare – sottolinea l’assessore Cecchini – di procedere nei tempi più rapidi al completamento dei pagamenti delle misure a superficie relative all’annualità 2015. Le situazioni più pesanti sono quelle che riguardano l’agroambiente, dove c’è un 30 per cento non pagato, e benessere animale e biologico dove manca ancora il 40 per cento degli aiuti. Una situazione che non è più sostenibile”.
“La nostra azione – prosegue - va ad aggiungersi all’iniziativa della stessa Commissione Europea che ha avviato un processo di attento monitoraggio sull’organismo pagatore Agea proprio per favorire l’accelerazione delle procedure e dei pagamenti”.
“Nonostante sussistano queste problematiche – rileva l’assessore Cecchini – l’Umbria è al vertice delle Regioni italiane per lo stato di avanzamento del Psr 2014-2020, come riconosciuto dalla stessa Commissione Europea in occasione del recente incontro annuale. Il flusso dei pagamenti delle diverse misure, infatti, ha raggiunto e superato la cifra di 192 milioni di euro: quasi il 21% dei 928 milioni di euro di cui disponiamo grazie all’incremento di ulteriori 51,9 milioni assegnati a fine 2017, frutto della solidarietà del Ministero dell’Agricoltura e delle altre Regioni non colpite dal sisma nel 2016”.
“Un risultato – afferma - particolarmente positivo poiché costruito non solo sui trascinamenti della vecchia programmazione 2007 2013, ma ormai, in maniera preponderante, sulle progettualità introdotte nella nuova programmazione sia per gli investimenti che per le misure a superficie”.
“Un risultato – tiene a sottolineare l’assessore – che avrebbe potuto essere ben più sostanzioso se il sistema dei pagamenti nazionali, attraverso il quale opera Agea, fosse già entrato a regime. Ciò non è avvenuto né sta avvenendo anche per la difficile fase di transizione organizzativa in cui è coinvolta Agea a seguito degli appalti di servizio non ancora attivati e quindi della precarietà del gestione in proroga dei vecchi contratti”.
“Questi ritardi ormai sono ingiustificabili – conclude l’assessore Cecchini - e gli agricoltori umbri non possono più aspettare. Solleciteremo perciò di nuovo un impegno straordinario perché al più presto si sblocchino le procedure e vengano pagati gli arretrati. Già nelle prossime ore sarà individuato un incontro ufficiale con Agea con all’ordine del giorno le diverse situazioni rimaste insolute”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information