Presidente Confagricoltura Umbria Fabio RossiE’ stato firmato il 25 giugno dalle rappresentanze datoriali di Confagricoltura, Cia e Coldi-retti e dai sindacati Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil e Confederdia il nuovo contratto provinciale che prevede un aumento di retribuzione già da luglio prossimo

(UMWEB) Prevede un aumento di retribuzione del 2% a partire da luglio 2018, cui farà seguito un ulteriore aumento dello 0,61% da ottobre, il nuovo contratto di lavoro per i quadri ed impiegati del settore agricolo della provincia di Perugia.

Il rinnovo è stato siglato lunedì 25 giugno a Perugia, presso la sede della Confagricoltura Um-bria, dalle delegazioni datoriali di Confagricoltura, Cia e Coldiretti e dalle rappresentanze sindacali di Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil e Confederdia, Confederazione Italiana Dirigenti, Quadri e Impiegati dell’Agricoltura.

Il nuovo contratto, che riguarda 200 aziende e 700 lavoratori del settore nell’intero territorio pro-vinciale di Perugia, prevede anche il perfezionamento e l’ampliamento degli strumenti legati alla flessibilità del lavoro, l’introduzione di criteri per l’erogazione di premi di produttività, una rafforzata attenzione verso la formazione e la tutela degli impiegati che assumono responsabilità specifiche e l’introduzione di un tavolo permanente per il monitoraggio del lavoro impiegatizio di settore.

Soddisfazione è stata, dunque, espressa dal Presidente di Confagricoltura Umbria, Fabio Rossi, dal dirigente con delega alle trattative del sindacato umbro Rufo Ruffo e dal responsabile sindacale di Confagricoltura Umbria Mario Liparoti, per l’importante risultato raggiunto a livello provinciale del capoluogo, che si va ad aggiungere a quello ottenuto, a livello nazionale, lo scorso 19 giugno con il rinnovo del CCNL per gli operai agricoli e florovivaisti.

Rossi ha anche sottolineato “il senso di responsabilità che ha qualificato l’intera trattativa da parte della nostra Organizzazione, nonostante le difficoltà che, a livello generale, stanno carat-terizzando l’attuale fase economica”. Le imprese hanno fatto la loro parte -ha proseguito Rossi- nonostante la perdurante congiuntura economica negativa, le incertezze sulla futura politica agricola comune, aggravata dai forti ritardi dei pagamenti dei contributi comunitari nella nostra Regione, e il quadro ancora in divenire delle politiche economiche del nuovo Governo”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information