IMG 7223Due le classi coinvolte, 5° T1 e 5° T2. I ragazzi, il lavoro del futuro deve essere attento all’ambiente

(UMWEB) Perugia.  “Chi opera con le mani non è cittadino di serie B”. E’ il concetto riaffermato e ripetuto negli interventi dei relatori presenti all’incontro stampa svoltosi nella sede di Confartigianato Perugia per tracciare il bilancio del corso – in alternanza scuola lavoro – inerente i principali concetti in tema di installazione di impianti gpl/metano negli autoveicoli. Organizzato da Confartigianato Imprese Perugia, in sinergia con l'Istituto Professionale Cavour-Marconi-Pascal di Perugia-Olmo e le imprese Palmerini Group e Autofficina Tripolini, ha coinvolto le classi 5° T1 e 5° T2 che, prima di entrare nel clima dell’esame di maturità, hanno seguito il ciclo di lezioni “con interesse e partecipazione” - è stato evidenziato dai docenti - nella consapevolezza - hanno invece detto gli allievi – che “l’oggetto del corso, in linea con le tematiche ambientali, è stato utilissimo perché questo deve essere l’approccio professionale del futuro”. Alunni, scuola, imprese, associazione di categoria e istituzioni si sono confrontate sul tema della formazione, finalizzata - e le esperienza positive finora attuate lo hanno dimostrato - a trasformarsi in contratti di lavoro. “Andare a scuola al professionale non è sminuente – la riflessione del Sindaco di Corciano Cristian Betti – ma fondamentale, se pensiamo che nel corcianese su 1700 imprese, 600/700 sono artigianali. L’artigianato è una struttura portante per l’economia, da qui l’importanza, per i ragazzi, di approfittare di occasioni formative che uniscono teoria e pratica, perché c’è bisogno di imparare e, parallelamente, di insegnare ad usare le mani”. Il Sindaco ed anche l’assessore al commercio e artigianato del Comune di Perugia, Cristiana Casaioli, hanno plaudito ed incoraggiato l’esperienza intrapresa da Confartigianato, diventata trait-d’union tra scuola, imprese e, ad oggi, i territori di Perugia-Corciano-Magione, proponendo percorsi, ripetuti negli anni, che supportando le aziende hanno avuto ricadute positive sul territorio. “Questo rapporto di alternanza scuola/lavoro è fondamentale – ha rilevato il segretario dell’associazione Stelvio Gauzzi – C’è sempre più bisogno di competenza professionale. Occorre studiare, ovvio, ma le opportunità vanno sfruttate e le sinergie che stiamo costruendo consentono di farlo. E’ necessario un salto culturale, con le aziende chiamate a reinventarsi - perché sono la spina dorsale d’Italia, benché gli ultimi dati evidenzino una diminuzione dell’8% - e dall’altra parte la scuola, la famiglia e anche la PA disponibili a stimolare i ragazzi”. Se per il presidente Giorgio Buini e Fabrizio Scacciatella di Confartigianato Imprese Perugia “l’istruzione professionale alimenta il rilancio dell’economia e l’interesse registrato deve indurci ad approfondire ulteriori settori (rigorosamente top secret i nuovi corsi che bollono in pentola per il prossimo anno – ndr) e coinvolgere anche altri territori”, il dirigente scolastico dell’Istituto Cavour-Marconi-Pascal Giuseppe Materia, ha ribadito il valore della sua scuola. “Sfatiamo un mito – ha sottolineato – il liceo è più facile, qui invece all’insegnamento di una buona cultura generale di base si affianca la valorizzazione delle attività manuali che possono ridare vita e slancio ad un sistema”. Coinvolti nel loro ruolo di motivatori e di docenti i rappresentanti della Palmerini Group, Andrea Tripolini e Maurizio Lestini, oltre agli insegnanti della scuola Francesco Dottori e Pompeo Cipelli. “Siate ottimisti, buttatevi e credete in voi stessi – il monito rivolto ai ragazzi – il lavoro c’è, il settore professionale è vivo. Fino a quando la volontà politica, dirigenziale e scolastica saranno concordi, ci sarà possibilità di crescere e la scuola sarà davvero vicina agli studenti ed al mondo del lavoro”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information