coldirettiumbria(UNWEB) È importante aver ottenuto il taglio del costo del lavoro ma occorre rafforzare le misure di sostegno all’agricoltura nei settori che hanno avuto perdite più rilevanti come quello dell’allevamento, dell’agriturismo, del vino e della birra ma anche promuovere l’economia circolare a favore del biogas. È quanto ha chiesto Coldiretti all’audizione sul Dl Sostegni alla Commissione Bilancio del Senato proprio in occasione della diffusione dei dati Istat dai quali emerge che più di quattro aziende agricole su dieci (40,8%) non hanno ricevuto alcun tipo di sostegno economico. La Coldiretti ha chiesto anche la proroga della sospensione delle rate di mutui bancari ed ha formulato al Ministero delle Politiche Agricole una proposta per il riparto del fondo filiere, a favore dei settori più danneggiati.


Da un’analisi Coldiretti sui dati Istat relativi al periodo compreso tra il 2020 e il 2021, su quasi una azienda agricola su cinque (18%) pesa la riduzione della domanda di prodotti provocata soprattutto dal crollo del turismo e dal taglio degli acquisti da parte dei bar, ristoranti e pizzerie costretti alla chiusura.
Tra le preoccupazioni - spiega Albano Agabiti presidente Coldiretti Umbria - emerge anche l’impatto dell’aumento dei costi di produzione (7,5%) che riguarda le materie prime, dai prodotti energetici agli alimenti per il bestiame, mentre il 6,9% segnala la mancanza di liquidità per fare fronte alle spese correnti. Uno scenario preoccupate con il 9,5% delle aziende agricole che ritiene che non sia possibile tornare alla situazione antecedente all’emergenza Covid. Nonostante le difficoltà provocate dalla pandemia - aggiunge Agabiti - le nostre imprese hanno continuato a lavorare per garantire la continuità delle forniture alimentari sugli scaffali di negozi e supermercati e consentire quindi alle famiglie di fare la spesa. L’emergenza globale, ha fatto emergere una consapevolezza diffusa sul valore strategico rappresentato dal cibo e sulle necessarie garanzie di qualità e sicurezza, ma le aziende agricole e i tanti comparti in difficoltà vanno sostenuti.
È necessario - ribadisce Mario Rossi direttore Coldiretti Umbria - cercare di far ripartire tutti i settori il prima possibile, in totale sicurezza, dalla vendita di prodotti alla ristorazione e ricettività, ma, allo stesso tempo, è fondamentale sostenere con misure adeguate le imprese agricole del nostro territorio, ed insieme ad esse l’intera economia regionale e l’occupazione. Con le difficoltà dell’horeca, le limitazioni agli spostamenti e la mancanza dei turisti, dopo un anno di pandemia i bilanci aziendali sono in affanno: serve quindi - conclude Rossi - una veloce iniezione di liquidità che possa essere d’aiuto a tutta la filiera agroalimentare, accompagnata anche da incentivi per rilanciare il turismo enogastronomico che in questi mesi dovrebbe vivere le sue stagioni di punta.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information