installazione fagioli 3(UMWEB) Perugia.  E’ denominato “L.U.C.E” pubblica, luoghi urbani crescono esperienze”, il progetto con cui la Regione Umbria si è presenta all’edizione 2019 del Fuori Salone di Milano. Si tratta di un progetto che, seguendo le indicazioni dell’Agenda urbana, ne reinterpreta il filo conduttore in chiave di design, con un’installazione a firma di Marco Fagioli, vincitore due volte del Compasso d’Oro ADI, inaugurata dal vicepresidente della Regione Umbria, con delega al coordinamento e attuazione dell’Agenda Urbana.

“La Commissione europea – ha spiegato il vicepresidente della Regione nel corso dell’inaugurazione dell’installazione inserita nell’ambito della mostra allestista da Interni nel Chiostro della Statale di Milano - ha riservato un’attenzione particolare al tema delle città nella programmazione delle risorse dedicate alle politiche regionali di sviluppo 2014 – 2020. Dall’Europa infatti, siamo stati incoraggiati a immaginare il futuro delle nostre città anche attraverso i progetti di Agenda Urbana che in Umbria dal 2014 ha coinvolto cinque città - Perugia, Terni, Foligno, Città di Castello e Spoleto – le cui amministrazioni hanno avuto un ruolo forte nella programmazione e gestione degli interventi. Nel complesso – ha aggiunto - sono stati stanziati oltre 35 milioni di euro da destinare a interventi per la mobilità, per l’implementazione di servizi digitali, per l’efficientamento energetico e funzionale dei sistemi di illuminazione pubblica, per potenziare il valore degli attrattori culturali e per interventi di carattere sociale, con particolare attenzione al tema dell’innovazione sociale”.

“Il Progetto L.U.C.E. Pubblica – Luoghi Urbani – ha detto il vicepresidente - reinterpreta questi concetti valorizzando quella dimensione culturale, storica, artistica e naturale a cui l’Agenda Urbana si ispira visto che i dettagli anatomici “ricalcati” da Marco Fagioli per la sua opera sono ispirati alle sculture di Michelangelo. È, dunque, dalla storia dell’arte italiana e dalla valorizzazione territoriale che nasce questo progetto di riqualificazione urbana grazie all’utilizzo di fondi europei e che ha un duplice obiettivo: la fruibilità pubblica dello spazio urbano e il desiderio di comunicare che è l’innovazione, nonchè la chiave della riqualificazione urbana”.

“Il progetto Ricalco – ha spiegato Marco Fagioli - nasce dall’incontro con i calchi in gesso eseguiti e donati da Vincenzo Danti nel 1573 al Museo dell’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia, le copie sono tratte dalle sculture originali della Cappella Medicea realizzate da Michelangelo: Il Giorno - La Notte - Il Crepuscolo - L’aurora. L’installazione è composta da 5 volumi luminosi realizzati in vetroresina semitrasparente attraverso l’utilizzo di altrettanti matrici dalle quali è possibile produrre un numero limitato di copie diverse l’una dall’altra”.


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information