InterveneBianconi2ndo a margine della seduta odierna dell’Assemblea legislativa, il consigliere Vincenzo Bianconi (Misto) si dice preoccupato dalla crisi delle piccole e medie imprese turistiche, commerciali ed artigiane (questione su cui ha presentato una interrogazione), sottolineando come “il Coronavirus e la paura dei cittadini italiani e stranieri rischia di dare il colpo di grazia al turismo e al commercio dell’Umbria”. A tal proposito, Bianconi fa sapere che nei prossimi giorni proporrà “specifiche misure che la Regione Umbria dovrebbe porre in essere con mezzi propri e sollecitare con forza al Governo e all’Unione europea”.

 

(UMWEB) Perugia,   - “Oggi ho presentato la mia interrogazione, depositata 15 giorni fa, in cui chiedevo alla Giunta regionale gli intendimenti per arginare la crisi delle piccole e medie imprese turistiche, commerciali ed artigiane umbre (https://tinyurl.com/rvndzff (link is external)). Poi è arrivato il Coronavirus e la paura dei cittadini italiani e stranieri rischia di dare il colpo di grazia al turismo e al commercio dell’Umbria”. Così il consigliere regionale Vincenzo Bianconi (Gruppo misto) a margine della seduta odierna dell’Assemblea legislativa dell’Umbria.

“Abbiamo i mezzi per intervenire con successo – commenta - ma dobbiamo agire immediatamente per fronteggiare le conseguenze più pesanti di questa crisi. Federalberghi Umbria ci ricorda, ad esempio, che ‘l’effetto finale sarà forse simile a quello verificatosi dopo il sisma del 2016’ e che ‘rispetto ai flussi turistici dei mesi di marzo e aprile del 2019 possiamo prevedere già un 35-40 per cento in meno”. Secondo Bianconi, “per una regione che vive di turismo tale crollo sarebbe devastante, a cascata, per ogni settore dell’economia umbra. Le misure promesse dal Governo appaiono per adesso limitate e circoscritte a piccolissime aree, ma questa crisi ha colpito ogni parte dell’Italia. Servono interventi immediati della Regione per tutelare, nei prossimi mesi, l’economia e il lavoro”.

A tal proposito, Bianconi fa sapere che “nelle prossime ore e nei prossimi giorni proporrò specifiche misure che la Regione Umbria dovrebbe porre in essere con mezzi propri e sollecitare con forza al Governo e all’Unione europea. Per poter scongiurare questo disastro dobbiamo agire immediatamente e uniti, non temporeggiare come accaduto per la cassa integrazione in deroga collegata al terremoto, che non ha mai funzionato”.

“Ritengo deplorevoli – rimarca Bianconi - le scene di teatrale battibecco partitico a cui abbiamo assistito questa mattina in Aula: hanno dato un pessimo segnale ai cittadini. Continuo a sperare in un cambio di passo – conclude - ed in una unità su certi temi che vada oltre gli steccati partitici, che misuri la sostanza e non la forma o chi la rappresenta. Ci spero per il bene dell’Umbria”.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information