Tesei0707(UNWEB) Perugia. Nella parte dedicata al Question time della seduta odierna dell’Assemblea legislativa, i consiglieri della minoranza, Andrea Fora (Patto civico), Michele Bettarelli, Tommaso Bori, Simona Meloni, Fabio Paparelli e Donatella Porzi (Pd), Vincenzo Bianconi (Misto), Thomas De Luca (M5S) hanno chiesto alla Giunta regionale aggiornamenti circa il futuro della Cassa di Risparmio di Orvieto. 

Nello specifico l’interrogazione presentata domanda alla presidente Donatella Tesei se la Regione si è “attivata o intende attivarsi e vigilare in merito, ponendo in essere tutte le azioni possibili di sensibilizzazione, nel rispetto dei ruoli assegnati dalle leggi, di concerto con le istituzioni locali del comprensorio orvietano, con il ministero dell'Economia e Finanze, con le autorità di Garanzia, per il futuro della Cassa di Risparmio di Orvieto, affinché possa continuare a dare garanzie sul territorio e ad avere un piano industriale in grado di rispondere alle esigenze della comunità umbra, dei suoi tanti azionisti e piccoli risparmiatori e offrire solide garanzie occupazionali ai suoi dipendenti”.

Nell’illustrazione dell’atto, Fora ha ricordato che “la Banca Popolare di Bari, che  detiene il controllo della Cassa di Risparmio di Orvieto, sta vivendo una situazione ‘complessa e difficile’ ed è al centro di un'azione di ristrutturazione e rilancio all'attenzione del Parlamento e del MEF e della Banca d'Italia. La Cassa di Risparmio di Orvieto conta circa 300 dipendenti, quasi 50 filiali, oltre 2,5 miliardi di euro tra raccolta ed impieghi e con un sano bilancio. Visti i dati economico-patrimoniali della Cassa di Risparmio di Orvieto, i correntisti non corrono alcun pericolo. Lo stesso si può dire per le migliaia di piccoli risparmiatori dell'Orvietano e della regione che hanno investito in azioni della Banca Popolare di Bari. Per lo sviluppo economico della regione e per le tante imprese e microimprese del territorio l'accesso al credito è fondamentale, perciò è importantissimo che la Regione e le istituzioni locali seguano con attenzione lo sviluppo del futuro della banca affinché possa continuare a rappresentare un riferimento riferimento verso la clientela privata di piccoli risparmiatori e piccole e medie imprese, mantenendo quindi anche in prospettiva gli attuali livelli occupazionali. A prescindere dal futuro asset proprietario della Cassa di Risparmio di Orvieto è dunque necessario vigilare affinché il futuro ‘core business’ della banca orvietana resti quello di banca retail a sostegno del territorio, dei risparmiatori e delle piccole e medie imprese”.

La presidente Tesei ha risposto che “si tratta di questioni di natura privatistica. CariOrvieto ha una forte importanza per la nostra regione. Dal 2013 ad oggi le banche si sono fortificate e riequlibrate dal punto di vista degli impieghi e della raccolta e al tempo stesso è stato tolto ossigeno alle imprese perché sono sparite dall’orizzonte regionale le banche territoriali; quelle esistenti sono controllate da grandi gruppi. Abbiamo seguito le vie istituzionali nel prestare attenzione alla vicenda, con riservatezza e nei modi che il momento richiedeva. Prima del Covid mi sono incontrata con CariOrvieto e Banca d’Italia. Abbiamo richiesto di essere informati e consultati. Il rapporto con Bankitalia è stato molto proficuo. Guardiamo con interesse allo scorporo di CariOrvieto da Popolare Bari. Ma ciò richiede mezzi finanziari e un piano industriale e un partner forte. L’auspicio è che venga individuato un progetto che restituisca autonomie solidità alla banca, salvaguardando i livelli occupazionali”. 

Fora ha così replicato: “Ringrazio la Presidente per il lavoro svolto, che auspico ottenga il sostegno di tutta la politica regionale”.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information