ospedalespoleto(UNWEB) Ospedale San Matteo struttura Covid? Un punto di riferimento per tutta l’Umbria, nelle emergenze  per combattere  i contagi da pandemia? Cosi’ sembrerebbe e    se così fosse  già segnato il destino  del nosocomio della città del Festival.

Una decisione che ha lasciato a bocca aperta non solo la politica locale  ma, soprattutto  un’intera città.

Bisogna tornare indietro di un po’ di anni ’ l’Ospedale San Matteo oggetto ha dovuto subire “scorribande piratesche”  che hanno portato a carenze nei Reparti   del  personale medico e paramedico. 

Una sorta di ‘goccia cinese” che   giorno dopo giorno ha lesionato irrimediabilmente  la struttura del Nosocomio spoletino  importante particella all’interno del settore Sanità Umbra.

La politica   si è mobilitata ,  alla notizia,   in prima linea il Sindaco di Spoleto Umberto De Augustinis, pronto, il primo cittadino ha rispedito alla ‘mittente’ la proposta , poi  i tanti comunicati stampa.

Sono anni   che l’Ospedale spoletino San Matteo degli Infermi è sotto la lente d’ingrandimento , da sempre  la struttura è oggetto di particolari  cambiamenti , sembra una sfida a braccio ferrro , iniziata qualche anno fa, una sfida tra il San Matteo degli Infermi e il San Giovanni Battista di Foligno, ignari protagonisti baciati dalla Santità.

Spoleto anche negli anni passati ha risposto sempre e puntualmente a paventate chiusure  con  raccolta firme , riunioni, colpa di un sistema burocratico   che va ben oltre ogni logica a discapito dei diritti e   tutela della Salute dei cittadini.

Che il San Matteo degli Infermi possa essere stravolto nella sua identità di Ospedale della Città di Spoleto è un atto ingiustificabile e se ciò accadesse sarebbe un altro duro colpo ad una Città in altri settori già depredata.

Il San Matteo degli Infermi si trova all’interno di un territorio comunale vastissimo. Decidere sulla ’Stazione Sanitaria ’, non deve nascondere e passare inosservato del rischio di una  paventata   chiusura  del  punto nascite , mettendo anche a rischio il reparto di Pediatria perché mancano i medici e non solo , anche la chirurgia robotica è in grande pericolo, tutti servizi che con tutta probabilità saranno prenderanno la strada per Foligno al San Giovanni Battista.

Insomma , i temi da affrontare sono tanti l’augurio che in prospettive future ai tavoli delle prossime riunioni emergano responsabilità e il buon senso: quei tavoli importanti quelli che scottano.

Rosario Murro per Umbria Notizie Web

 

 

 

*Si ringrazia Due Mondi News per la foto.


banner Europa e Umbria per te 300x250

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information