128580056 2876570849246601 7302316851140082855 n(UNWEb) Il presidente della Commissione d’inchiesta ‘Analisi e studi su criminalità organizzata ed infiltrazioni mafiose, corruzione, riciclaggio, narcotraffico e spaccio di stupefacenti’, Eugenio Rondini fa sapere, in una nota che lo scorso venerdì, 27 novembre si è riunito, a Palazzo Cesaroni, l’Osservatorio regionale sulle infiltrazioni mafiose e l’illegalità.

Nella riunione, coordinata dal presidente Walter Cardinali è stata approfondita la relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia (Dia) con “particolare riferimento al richiamo di una strategia antimafia volta alla prevenzione delle infiltrazioni legate alla pandemia in atto”. È stata quindi “ribadita la necessità di una Antimafia ‘duttile, adattabile e dinamica’ che possa rispondere in maniera preventiva partendo da una attenta valutazione dei rischi in rete con le Istituzioni e le associazioni. Alla luce dei mutamenti continui delle organizzazioni criminali è stato avviato un percorso di approfondimento su alcuni temi specifici, a partire dai reati di tipo ambientale con il contributo di Antonio Pergolizzi, delegato in Osservatorio per Legambiente”.

“L’Osservatorio – si legge nella nota - sta inoltre portando avanti il compito di contribuire alla stesura della Legge regionale antimafia, elaborando proposte su vari ambiti, tra cui la promozione del rating di legalità, la valorizzazione di buone pratiche nelle filiere legate agli appalti pubblici ed il rafforzamento delle azioni di recupero e riutilizzo dei beni confiscati. Al fine poi di attivare le misure e le azioni di prevenzione, è stata approvata la proposta di monitoraggio delle attività commerciali ed aziendali con specifiche forme di controllo volte alla prevenzione del rischio di riciclaggio di denaro”.

Rondini esprime condivisione per le parole di Cardinali secondo cui quello in atto è “un lavoro importante, ma che è solo all’inizio e che porterà all’attivazione di forme nuove di consapevolezza, prevenzione e contrasto in tutto il nostro territorio”

L’Osservatorio si riunirà nuovamente nel mese di dicembre con un ordine del giorno legato a misure specifiche di accompagnamento e supporto alle storie di ragazzi, ragazze donne e uomini che intraprendono percorsi di allontanamento e fuoriuscita dalle dinamiche di tipo mafioso.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information