de luca thomas(UNWEB) “Contravvenendo ad ogni regolamento, la presidente Tesei oggi ha usato il tempo dedicato al question time per attaccarmi direttamente. Ha detto che avrei diffuso strumentalmente i progetti che la Giunta voleva farsi finanziare nel Recovery Plan e che ora vengono disconosciuti dalla stessa Tesei. Riteniamo che il coinvolgimento delle forze sociali e istituzionali nei progetti di rilancio per l'Umbria non siano questioni puramente teoriche, come invece lei oggi ha sostenuto”: lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Thomas De Luca.

“Ci sono lettere e dichiarazioni – afferma De Luca - che affermano come i progetti inviati alla Conferenza Stato-Regioni siano ‘in stretta complementarità’ con la nuova programmazione dei fondi strutturali 2021‐2027, ‘in modo tale che le progettualità individuate, qualora non possano essere ricomprese nella selezione per il PNRR, saranno comunque utili a tale scopo’. Si parla di ‘priorità progettuali che la Regione ritiene debbano ricadere nel territorio regionale indipendentemente dal soggetto attuatore’. Prendiamo atto che secondo la presidente Tesei il processo partecipativo con le forze sociali e istituzionali del territorio sarebbe già iniziato. Il punto, crediamo, è invece proprio il torpore che questa regione sta vivendo a causa della mancanza di un dibattito sul suo futuro. La nostra azione ha fatto in modo che finalmente si aprisse uno squarcio sui temi e sui progetti. Ha fatto uscire questa società dalle sterili diatribe ideologiche che spesso la maggioranza preferisce portare avanti”.

“La presidente Tesei – continua - ha fatto anche un richiamo rispetto alle politiche di economia ambientale richieste dall'Europa ai governi nazionali. A tale proposito ricordiamo che la stessa Unione Europea ha deciso di investire massicciamente sull'economia circolare e sul massimo recupero di materia, non certo a favore degli inceneritori. Invece i progetti sui quali la maggioranza regionale non ha potuto mettere bocca, ma che sono stati inviati per conto dell'Umbria, vanno proprio in quella direzione. Non sono questioni puramente teoriche, sono le priorità della Giunta che saranno portate avanti malgrado gli stessi consiglieri della maggioranza fossero all'oscuro”.

“Chiediamo alla presidente Tesei – conclude - di prendersi la responsabilità delle scelte e di non nascondersi con toni vittimistici dietro presunte fake news o delegittimazioni dell'avversario. Se non creiamo una visione comune e se non facciamo tutti un'azione unitaria per presentare progetti innovativi e ambiziosi, poi non possiamo lamentarci del governo. La speranza è che questo dibattito prosegua con la stessa vivacità nei prossimi mesi. Rimaniamo sui temi, per il bene di tutti”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information