DeLuca1407“Un funzionario della Regione Umbria sarebbe stato arrestato in flagranza di reato mentre scambia una mazzetta di denaro in un parcheggio con un'imprenditrice per facilitare le autorizzazioni per le attività estrattiva. E ancora oggi, a distanza di giorni, la Giunta rimane in silenzio”. È quanto dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca.

“Del resto – spiega De Luca - non avevano risposto nemmeno alla nostra interrogazione di dicembre, quando emerse un'analoga indagine per corruzione in merito allo smaltimento illecito di rifiuti che aveva interessato lo stesso funzionario. Chiedemmo, allora come oggi, che la Giunta facesse chiarezza sull'operato di quel funzionario che non solo non è stato rimosso, ma a giudicare dall'indagine condotta dalla Procura sembra sia rimasto al suo posto proseguendo con le attività illecite”.

“Purtroppo - prosegue De Luca - ancora una volta ci siamo trovati isolati e infangati. Ci hanno tacciato di essere inopportuni, speculatori e strumentalizzatori. Invece avevamo ragione mentre la presidente Tesei rimaneva in silenzio. Avevamo invitato la Giunta a riferire in merito. Avevamo poi depositato una interrogazione per sapere se fossero state disposte azioni in via cautelare nei confronti del funzionario indagato o se erano stati avviati procedimenti interni di approfondimento e verifica sull'operato dell'amministrazione regionale relativamente ai suddetti episodi al fine di scongiurare il ripetersi delle condotte illecite contestate. Nessuna risposta a distanza di mesi. E dopo l'arresto del funzionario ancora silenzio”.

“È incredibile – conclude De Luca - il clima di torpore che c'è da parte di chi governa la nostra regione intorno al tema della legalità e dell'anticorruzione. Auspichiamo un'azione di ricognizione in merito agli atti prodotti dalla Giunta regionale su proposta dell'ufficio a cui il funzionario faceva riferimento per scongiurare che eventuali norme o azioni dell'amministrazione possano essere state emesse per interessi di parte dei soggetti coinvolti nell'inchiesta”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information